Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

lapsset

Kenya: un consorzio sudafricano per il corridoio infrastrutturale LAPSSET

Un consorzio di investitori internazionali guidato dalla Banca di sviluppo del Sudafrica (DBSA) è pronto a contribuire con 1,9 miliardi di dollari al progetto per la realizzazione del corridoio infrastrutturale di trasporto destinato a collegare il porto keniano di Lamu con il Sud Sudan e l’Etiopia (Lamu Port South Sudan Ethiopia transport corridor-Lapsset).

A renderlo noto è attraverso una nota inviata alla stampa l’Ufficio della Presidenza della Repubblica del Kenya, da cui si apprende che il consorzio è interessato a finanziare la costruzione di tre moli dle costruendo porto di Lamu e di una strada lunga 537 chilometri tra la città portuale, Garissa e Isiolo.

Il finanziamento è previsto nell’ambito di un memorandum d’intesa siglato dal presidente keniano Uhuru Kenyatta e dal suo omologo sudafricano Jacob Zuma durante una visita di quest’ultimo a Nairobi nei giorni scorsi.

“La Banca di sviluppo del Sudafrica è il principale organizzatore di un consorzio che intende investire 1,2 miliardi di dollari per la costruzione di altri tre moli al porto di Lamu – si legge nella nota diffusa dal governo keniano – Lo stesso consorzio vorrebbe finanziare anche la costruzione della strada Lamu-Garissa-Isiolo nell’ambito di un programma annuale del valore di 700 milioni di dollari”.

Annunciato nel 2009 ma lanciato ufficialmente soltanto nel marzo 2012, il progetto LAPSSET prevede la costruzione di un mega-porto da 32 moli a Lamu, una serie di oleodotti, un’autostrada a sei corsie e una ferrovia che attraverseranno tutta la parte settentrionale del Kenya fino ad arrivare ad Addis Abeba in Etiopia, Kampala in Uganda e Juba in Sud Sudan, oltre ad anche tre aeroporti internazionali e la costruzione ex-novo di tre nuove città.

Il progetto, tuttavia, ha subito una sere di ritardi legati alla difficoltà nell’individuare i finanziamenti necessari da parte del settore privato. A ora sono stati realizzati soltanto il futuro quartier generale del porto, una stazione di polizia e sono cominciati i lavori delle fondamenta per i primi tre moli del porto. [MV]

Per approfondire:

Dal turismo all'Oil e Gas, passando per Infrastrutture, Costruzione e tecnologia...

Dal turismo all’Oil e Gas, passando per Infrastrutture, Costruzione e tecnologia…

 

 

 

Leggi il numero dedicato alle Infrastrutture e scopri tutte le opportunità esistenti

Leggi il numero dedicato alle Infrastrutture e scopri tutte le opportunità esistenti



__di


Pubblicato il


Leggi anche