Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

tunisia-economic-city-l-economiste-maghrebin

Tunisia: a fine novembre la grande conferenza sugli investimenti

Si terrà tra il 28 e il 30 novembre a Tunisi la grande conferenza internazionale sugli investimenti pre-annunciata nel 2015 e inizialmente programmata per il primo semestre 2016.

L’appuntamento è organizzato e promosso dal ministero  dello Sviluppo e della Cooperazione internazionale, che ha invitato capi di Stato e di governo, dirigenti di istituzioni internazionali e di organizzazioni finanziarie di rilevanza mondiale.

Grandi potenze, tra cui la Cina e il Giappone, hanno espresso l’intenzione di contribuire allo sviluppo del Paese nord-africano, che sta attraversando un periodo difficile dalla primavera araba del 2011.

La conferenza internazionale sugli investimenti sarà il punto d’arrivo di una campagna di promozione a livello globale lanciata il 9 giugno scorso dal governo tunisino per presentare il suo piano di sviluppo, “Tunisia 2020”, per i prossimi cinque anni. Con questa campagna, il governo tunisino intende attirare un gran numero di investitori, che potranno concretizzare i loro progetti alla conferenza di novembre.

Il piano prevede di portare il tasso di crescita macroeconomica al 4% entro la scadenza, ridurre la disoccupazione al di sotto del 12% e creare 400.000 posti di lavoro.

L’Europa e la Banca Mondiale hanno già promesso prestiti miliardari alla Tunisia per finanziare il suo sviluppo.  [CC]

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

La politica sta aprendo la strada, ma le imprese ancora tardano. Il punto sulle relazioni economiche tra Italia e Africa

La politica sta aprendo la strada, ma le imprese ancora tardano. Il punto sulle relazioni economiche tra Italia e Africa

 

 

 

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

 



__di


Pubblicato il


Leggi anche