Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Mozambico: Fiera di Maputo FACIM 2016, Agenzia ICE organizza partecipazione italiana

La 52° edizione della Fiera internazionale multisettoriale di Maputo – FACIM 2016 – si svolge quest’anno nella capitale mozambicana dal 29 agosto al 4 settembre.

A segnalarlo è l’Agenzia ICE, che sta organizzando la partecipazione collettiva delle aziende italiane interessate a una presenza alla manifestazione fieristica che rappresenta il principale evento economico di livello internazionale in Mozambico.

Sebbene nel corso dell’ultimo anno le stime sulla crescita siano state riviste al ribasso, il Mozambico rimane una delle principali economie del continente africano nonché un partner di primo piano per l’Italia.

Dopo aver registrato, negli ultimi quindici anni, un aumento del PIL reale tra i più elevati del continente africano (7% in media all’anno), nel 2016 la crescita dell’economia mozambicana, secondo le previsioni degli analisti, rallenterà al 4,8% per effetto del calo dei prezzi delle materie prime (minerali, oil&gas) che hanno ritardato gran parte degli investimenti e contenuto le manovre di spesa pubblica. Nel medio periodo, considerate le recenti scoperte nel settore energetico/minerario ed il potenziale agricolo e turistico del paese le prospettive di sviluppo rimangono positive.

Secondo l’Agenzia ICE, i settori più promettenti per le aziende sono l’agroindustria, l’arredamento, la meccanica, l’edilizia, le costruzioni e le infrastrutture, l’energia e l’oil&gas.

Le aziende interessate a partecipare alla missione collettiva promossa dall’Agenzia ICE hanno tempo fino al 26 giugno per aderire. Maggiori informazioni sull’evento sono disponibili sull’opuscolo preparato appositamente da ICE, mentre qui è possibile scaricare la scheda d’adesione alla collettiva. [MV]

Per approfondire:

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

La riforma della cooperazione, incanalando i tanti sforzi dedicati al continente, potrebbe aprire un varco verso la creazione e il rafforzamento di logiche di azioni integrate.

La riforma della cooperazione, incanalando i tanti sforzi dedicati al continente, potrebbe aprire un varco verso la creazione e il rafforzamento di logiche di azioni integrate.



__di


Pubblicato il


Leggi anche