Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Zambia: aziende piacentine studiano filiera per concentrato di pomodoro

Si è concluso con la firma di un accordo per la progettazione e la realizzazione in Zambia di coltivazioni di pomodori e di uno stabilimento per la produzione di concentrato di pomodoro l’incontro svoltosi a Piacenza tra la rete di imprese Pomorete e la società inglese Asili Processing.

A darne notizia è attraverso un comunicato stampa la stessa associazione d’imprese, specificando che l’intesa è stata siglata nella sede di Confapi Industria Piacenza.

In base a quel che viene reso noto, nelle prossime settimane una delegazione composta da tecnici di tre aziende di Pomorete si recherà in Zambia per verificare la fattibilità del progetto, che si svilupperà in tre fasi: studio di fattibilità e sperimentazione su circa tre ettari, business plan (si ipotizza di essere operativi nella campagna del 2017/2018) e sviluppo, e infine realizzazione dei campi di pomodori e dello stabilimento.

Pomorete è descritta da Confapi Industria Piacenza come la prima filiera italiana del pomodoro ed è costituita da 17 imprese: ACP International Food, Agrofata, MCM Ecosistemi, OMCE, Asi Scambi Industriali, MTS srl, Greentech, I.F.T., Ing. A. Rossi, Masterdelta, Steriltom, Emiliana Conserve, Carlo Manzella & C srl, Number 1, De Santis, Solfarm Europe, ‘O sole ‘e Napule di Alfonso Calabria srl. [MV]

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

La politica sta aprendo la strada, ma le imprese ancora tardano. Il punto sulle relazioni economiche tra Italia e Africa

La politica sta aprendo la strada, ma le imprese ancora tardano. Il punto sulle relazioni economiche tra Italia e Africa

 



__di


Pubblicato il


Leggi anche