Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Accordo AGI-InfoAfrica, per un’informazione più attenta all’Africa che cresce

Un accordo di collaborazione editoriale per creare sinergie utili a seguire ancora meglio gli sviluppi economici e politici del continente africano è stato firmato a Roma dall’Agenzia Giornalistica Italia (AGI) e Internationalia, la realtà editoriale cui fanno capo l’agenzia stampa InfoAfrica e il mensile Africa e Affari.

“Europa e Africa sono complementari – ha affermato Alessandro Pica, Amministratore Delegato di Agi – Noi abbiamo bisogno di risorse e disponiamo di competenze e capacità di investimento, mentre l’Africa ha grandi risorse ma ha bisogno degli investimenti e delle competenze per metterle a frutto. Lavorando su questo paradigma è possibile creare condizioni di sviluppo e rilancio economico per entrambi i continenti. Nei confronti dell’Africa occorre però cambiare approccio: abbandonare progetti finalizzati alla semplice esportazione di risorse e costruire modelli di cooperazione che mirino a sviluppare le enormi risorse dell’Africa per soddisfare la domanda locale e innescare processi di crescita sostenibile nel lungo termine. Per fare ciò, è necessario comprendere a fondo il complesso contesto africano, ed è sotto questa luce che va letto l’accordo tra Agi ed Internationalia: vogliamo creare sinergie, non solo editoriali, che favoriscano una più ampia e approfondita conoscenza delle dinamiche socio-economiche del continente, a beneficio del sistema-paese”.

L’accordo prevede forme di collaborazione editoriale, ma anche l’impegno a sviluppare sinergie a tutto tondo per affiancare la nuova fase di interesse italiano verso il continente africano, come ha dimostrato la recente Conferenza ministeriale Italia-Africa tenuta a Roma il 18 maggio scorso alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, oltre che di quaranta delegazioni africane.

Una prima concretizzazione di questa sinergia sarà la presenza di AGI come media partner alla prossima edizione del Roma Africa Film Festival, rassegna dedicata al cinema africano, che vede tra gli organizzatori Internationalia.

“L’Africa è un continente a forte crescita – ha ricordato Massimo Zaurrini, direttore responsabile di InfoAfrica – ma che allo stesso tempo presenta complessità di lettura e di valutazione che rendono quanto mai necessario un approccio attento e informato alle sue dinamiche da parte delle aziende e delle stesse istituzioni. La sinergia tra una bottega artigiana di informazione di qualità e un primario gruppo informativo con forte vocazione internazionale, come è AGI, può essere un viatico utile al sistema Paese nel suo complesso”.

“L’accordo con AGI – ha sottolineato a sua volta Gianfranco Belgrano, direttore editoriale delle testate di Internationalia – consente di avviare un percorso che potrà essere portato ulteriormente avanti e approfondito, attento anche alle esigenze delle Pmi, al servizio di un’informazione completa e utile per chi in Africa si muove ed è chiamato a prendere decisioni”.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

La riforma della cooperazione, incanalando i tanti sforzi dedicati al continente, potrebbe aprire un varco verso la creazione e il rafforzamento di logiche di azioni integrate.

La riforma della cooperazione, incanalando i tanti sforzi dedicati al continente, potrebbe aprire un varco verso la creazione e il rafforzamento di logiche di azioni integrate.



__di


Pubblicato il


Leggi anche