Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Viaggio africano, l’Italia vuole avere un ruolo a sud del Sahara

AFRICA – L’Italia in Africa Sub-Sahariana è tornata e ha intenzione di restarci giocando sempre di più un ruolo da protagonista. E’ questo il senso più profondo del viaggio appena conclusosi del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a sud del Sahara, in Etiopia e poi in Camerun.
Dal Quirinale lo avevano detto prima della partenza, “questo è un viaggio in Africa, non solo nei due paesi tappa della visita”. E così, in effetti, è stato.
La più alta carica dello Stato ha voluto mettere un sigillo e confermare ufficialmente una nuova fase di attenzione del nostro paese nei confronti del continente africano, iniziata circa due anni fa.
Certo nell’agenda della visita c’erano anche le prossime elezioni per i membri non permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU (con tutta l’importanza del bacino di voti africano), ma ritenere che il senso della visita del capo di Stato si fermi qui è quantomeno riduttivo.
Mattarella ha voluto dimostrare all’Africa che l’Italia c’è e continuerà ad esserci a sud del Sahara. Un partner, ha ripetuto più volte, senza agende nascoste ma che ritiene sia arrivato il momento di avviare una nuova partnership con i paesi africani sia per rispondere alle sfide più pressanti (fenomeno migratorio e terrorismo) sia perché sarà “una zona di mondo sempre più rilevante negli equilibri internazionali nel prossimo futuro”, come ha ripetuto più volte.
© Riproduzione riservata

Per approfondire:

La politica sta aprendo la strada, ma le imprese ancora tardano. Il punto sulle relazioni economiche tra Italia e Africa

La politica sta aprendo la strada, ma le imprese ancora tardano. Il punto sulle relazioni economiche tra Italia e Africa



__di


Pubblicato il


Leggi anche