spot_img
0,00 EUR

Nessun prodotto nel carrello.

Africa: Accordo tra E4Impact e SIMEST per progetti imprenditoriali

di: Redazione | 19 Aprile 2016

Riguarda il sostegno a nuove imprese, la formazione, lo scambio di informazioni, il finanziamento di programmi di assistenza tecnica e l’organizzazione di eventi a sostegno degli investimenti l’accordo siglato tra la Fondazione E4Impact e SIMEST, la società del gruppo Cassa Depositi e Prestiti che si occupa di assistere le imprese italiane che investono all’estero.
A segnalarlo è stata la stessa Fondazione presieduta da Letizia Moratti, da tempo attiva sul fronte della formazione manageriale in Africa, specificando che il memorandum permetterà di unire le competenze maturate dalle due istituzioni.
L’obiettivo è sostenere con ancora maggiore slancio una serie di attività comuni in territorio africano che hanno come fine la generazione di sviluppo imprenditoriale e di opportunità di investimento per le aziende italiane.
“Per troppo tempo il sostegno al percorso di sviluppo economico africano è passato esclusivamente per l’assistenzialismo – ha detto la presidente di E4Impact, Letizia Moratti – Quel continente, invece, va sostenuto facendo sì che si possano creare le condizioni per una crescita economica autonoma. Questo è sempre stato l’obiettivo della Fondazione. Siamo felicissimi di poterlo condividere con una realtà qualificata come SIMEST”.
“Con la firma di questo accordo – ha aggiunto l’amministratore delegato di SIMEST, Andrea Novelli – desideriamo dare un ulteriore impulso allo sviluppo di progetti di aziende italiane, soprattutto piccole e medie, in Africa, un continente con grandi potenzialità di crescita in molti settori, contribuendo positivamente allo sviluppo non solo economico ma anche culturale di quel continente”.

© Riproduzione riservata/Foto: e.4impact.org
Per approfondire:

La riforma della cooperazione, incanalando i tanti sforzi dedicati al continente, potrebbe aprire un varco verso la creazione e il rafforzamento di logiche di azioni integrate.
La riforma della cooperazione, incanalando i tanti sforzi dedicati al continente, potrebbe aprire un varco verso la creazione e il rafforzamento di logiche di azioni integrate.

Articoli correlati

- Ascola la collana di podcast dell'Agenzia ICE -spot_img

Rubriche