Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

    captcha

    Sentitevi liberi di improvvisare sull’Africa

    Ma perché tutti si sentono in diritto di improvvisarsi esperti di Africa? Io mi occupo di questo continente ormai da più di tre lustri e mai, dico mai, ho avuto la sensazione di capirci qualcosa. Troppo grande, troppo variegato, troppo veloce nei suoi scatti (non importa se in avanti o indietro) per incasellarlo, inquadrarlo, fotografarlo.

    L’Africa è un treno in corsa, magari disordinata e confusa, ma sempre in corsa. Provate a fare una foto a un treno in corsa. Non ne otterrete che un’immagine sfocata. Eppure in un’epoca e in un Paese in cui l’improvvisazione a tutti i livelli appare ormai sdoganata, chiunque si sente in diritto di fare e dire qualsiasi cosa. Poco importa se fino al giorno prima ci si è occupati di tutt’altro tema o di tutt’altra zona del pianeta. Quanti sono i soggetti istituzionali, politici, economici, in grado di smascherare un improvvisatore? O di riconoscere, con umiltà, la propria non competenza su questa zona di mondo? Ed ecco che si innalzano a verità assolute luoghi comuni o informazioni frammentarie prese a destra e a manca.

    Nel teatrino italico ci si può tranquillamente improvvisare consulenti sull’Africa, editori sull’Africa, giornalisti sull’Africa, avvocati sull’Africa, università sull’Africa. Peccato che poi l’Africa, così come la vita, a un certo punto presenterà un conto reale da saldare. Ma nel frattempo gli improvvisatori avranno sicuramente già cambiato obiettivo.



    Pubblicato il


    Leggi anche