Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Burkina Faso: finanziamenti per infrastrutture idriche e sviluppo locale

La Banca di sviluppo dell’Africa Occidentale (BOAD) e il governo del Burkina Faso hanno firmato nei giorni scorsi due accordi di finanziamento per un totale di 40 miliardi di franchi CFA (circa 72 milioni di dollari) da utilizzare nei settori dell’acqua e dello sviluppo locale.

Lo hanno riferito fonti locali, precisando che secondo il ministero dell’Economia e delle finanze del Burkina Faso, questi due prestiti sono collegati al progetto di potenziamento della rete di drenaggio delle acque piovane della città di Ouagadougou (fase 3) e del programma di sostegno allo sviluppo delle economie (PADEL) in Burkina Faso.

La fase 3 del progetto di rafforzamento della rete di raccolta acqua piovana di Ouagadougou, per la quale la BOAD impegna fino a 10 miliardi di FCFA, si concentrerà sullo sviluppo delle infrastrutture relative nella zona del parco di Bangr Wéogo.

Il progetto prevede, tra le altre cose, anche  la costruzione di un sistema di illuminazione pubblica lungo il canale Kadiogo all’interno del Parco Wrogo di Bangr e lungo il canale esterno al parco; lo sviluppo di strade di servizio e percorsi pedonali lungo i canali; sensibilizzazione della popolazione alla gestione dei rifiuti solidi; e il sostegno al Comune di Ouagadougou nell’acquisto dei materiali (attrezzature per la pulizia e mezzi di trasporto) per gestire la pulizia e la manutenzione degli spazi e nella formazione.

Per quanto riguarda il Programma di sostegno allo sviluppo economico locale (PADEL), la BOAD fornirà al Burkina Faso risorse per un importo di 30 miliardi di CFAF per la sua attuazione.

Nell’ambito di questo programma, sono previste, tra l’altro, la fornitura di un kit di sviluppo locale integrato (KIT – DELI) che prevede un pacchetto minimo di investimenti basato sulle specificità di ciascuna regione; l’istituzione di progetti di microcredito a beneficio di 15.000 micro e piccolissime imprese (MTPE); e il rafforzamento delle capacità tecniche e imprenditoriali delle microimprese e delle organizzazioni di produttori professionali.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

È stata necessaria una rivoluzione, seppur pacifica, per cambiare il corso politico del Burkina Faso, un evento che ha saputo rimettere le carte in tavola e alimentare la voglia di affrontare vecchi e nuovi problemi, in primis quello legato alla sicurezza.



__di


Pubblicato il


Leggi anche