Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

L’Africa corre, all’Italia il compito di raggiungerla

L’Africa corre, deve farlo per una serie di motivi e lo sta facendo. Deve farlo perché la sua popolazione è destinata a raddoppiare entro il 2050; deve farlo per condividere quanto più possibile le sue ricchezze con la sua giovanissima popolazione; deve farlo per una crescita sostenibile che risolva i suoi problemi e risolva questioni già all’orizzonte e decisive per il futuro stesso dell’Europa, suo primo dirimpettaio. E l’Italia non può far altro che inseguirla, nel tentativo di raggiungerla, l’Africa, di capirla e di collaborare con lei secondo una visione nuova, secondo concetti diversi rispetto a quelli del passato. Secondo, in definitiva, un partenariato alla pari.
Questo è stato il filo conduttore, lo scorso 22 giugno a Milano, della presentazione italiana dell’ultimo African Economic Outlook, il rapporto realizzato da Banca africana di sviluppo, Ocse e Undp. Quest’anno il rapporto è stato dedicato a industrializzazione e imprenditorialità, elementi considerati fondamentali per rispondere a una fame di posti di lavoro che per l’Africa è stata misurata: ogni anno 29 milioni di giovani si aggiungono alla forza lavoro; e a questi 29 milioni di giovani occorre dare risposte.
La soluzione, come si evince leggendo le 300 pagine del documento, non può venire da un solo ambito: serve il pubblico, servono le rimesse, servono gli investimenti diretti esteri e serve soprattutto creare valore aggiunto attraverso lo sviluppo dell’industria locale. Solo in questo modo si potrà fornire una soluzione in grado di rispondere alle esigenze dei giovani africani. Per raggiungere questo obiettivo tre gli ingredienti fondamentali: formazione, politiche di distretto, accesso al credito. E l’Italia può e deve fare qualcosa per l’Africa e per se stessa.

© Riproduzione riservata

 



Pubblicato il


Leggi anche

  • L’Africa di Lampedusa e le tante altre Afriche L’Africa che arriva in Italia è l’Africa che vediamo a Lampedusa, di migranti in fuga da violenze e povertà estrema a bordo di barconi, vittime di trafficanti di esseri umani pronti a far […]
  • Ascoltiamo l’Africa che racconta se stessa Un numero ricco questo che leggerete. Ricco anche perché in qualche modo registra l’attività dell’Italia in Africa ed è un fatto che tale attività sta crescendo. Lo scorso maggio - e ne […]
  • Viva l’Italia in Africa…..ma dov’è finito l’Isiao? Dopo i viaggi di Renzi e Mattarella in Africa, Roma ospiterà il 18 maggio un vertice ministeriale Italia-Africa che vedrà la partecipazione di almeno una trentina di delegazioni […]
  • Jammeh, i suoi ‘fratelli’ e l’inesorabile futuro Yahya Jammeh non aveva ancora 30 anni quando prese il potere nel piccolo Gambia. Lo scorso 22 gennaio, se ne è andato a bordo di un aereo dopo 22 anni, portandosi dietro un po’ di […]
  • L’Africa che cambia Studi, rapporti, valutazioni dei principali istituti di ricerca: tutti sono d’accordo che l’Africa sta cambiando e sta valorizzando sempre più le sue risorse per essere protagonista di […]
  • Tre scenari possibili: pace, sviluppo o conflitti La popolazione africana aumenta a ritmi impressionanti. Al di là delle banalità o dei nascondimenti della politica è evidente che questo è un fenomeno che ha ripercussioni sull’Africa […]