Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Etiopia: prima centrale energetica dai rifiuti costruita ad Addis Abeba

Si concluderrano presto i lavori e sarà operativa da dicembre la prima centrale di trasformazione dei rifiuti in energia di tutta l’Etiopia. Lo ha reso noto Bizuneh Tolcha, del Ministero per le acque, irrigazione ed energia (Mowie), specificando che nel mese di luglio l’impianto è stato completato al 94,3% ad Addis Abeba, capitale della Etiopia. Il progetto “Reppie Waste to Energy Facility” consente di generare 50 MW di energia dai rifiuti solidi della città. Il progetto è realizzato sulla più grande discarica d’Etiopia comunemente chiamato “Koshe” (che significa “sporco” in amarico, la lingua ufficiale del paese), che si estende su 5,3 ettari di terreno ad Addis Abeba. Negli ultimi anni, la discarica non riesce a tenere il passo della crescita dei rifiuti nella capitale etiopica. Aperta cinquant’anni fa, quando Addis Abeba era ancora una piccola città, Koshe è ora la più principale discarica di una città di oltre quattro milioni di abitanti. “Il completamento del progetto avrà un costo di 118,5 milioni di dollari e sarà completamente gestito dal governo. L’impianto permetterà di trattare 350.000 tonnellate di rifiuti solidi l’anno”, ha precisato Tolcha. Il progetto, ha aggiunto il funzionario governativo, consentirà anche di ridurre 46,494 tonnellate di emissioni di gas di metano all’anno. Il progetto è sviluppato congiuntamente dalla società britannica Cambridge Industries Limited e China National Electric Engineering Company. L’Etiopia vuole aumentare la sua capacità di produzione di energia dagli attuali 4.200 MW a 17.300 MW entro il 2020.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Le energie rinnovabili rappresentano, insieme al gas, il futuro della produzione di energia in Africa. Dall’Africa Australe a quella Orientale, passando per quella Occidentale i paesi africani si stanno dotando di strumenti per spingerne l’uso.



__di


Pubblicato il


Leggi anche