Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Tunisia: la competenza di Environment Park come know-how per i Tecnopoli tunisini

Due società per la sanificazione del pesce, una attiva nel settore lattiero-caseario, una con a disposizione macchinari per la stampa digitale dei tessuti e un’altra cara per il trattamento dei datteri: sono alcune delle aziende che Environment Park ha accompagnato a Roma per l’incontro dedicato ai Tecnopoli della Tunisia organizzato da Confindustria Assafrica & Mediterraneo.Environmental_Park_Torino
“Environment Park – ha detto a InfoAfrica l’amministratore delegato Davide Canavesio – è un parco scientifico e tecnologico che in Italia aiuta le Pmi su tutti i settori innovativi, in particolare per le attività legate all’ambiente. In Tunisia abbiamo cominciato nell’aprile del 2016, siamo coordinatori di un progetto di cooperazione per rilanciare e ricostituire a volte da zero i poli e parchi scientifici e tecnologici tunisini. Se da una parte ci sono i grandi accordi di cooperazione che riguardano le grandi aziende e i grandi programmi, sia l’Italia che la Tunisia sono in realtà caratterizzati dalle Pmi, quindi noi ‘scarichiamo’ a terra gli accordi di cooperazione, lavoriamo direttamente con quattro poli in Tunisia di vari settori. Il lavoro è duplice: da un lato mutuano da noi l’esperienza e dall’altro favoriamo l’incontro tra aziende italiane e aziende di questi poli”.
Il programma messo a punto da Environment Park prevede la redazione di piani di intervento e di promozione dei Poli tunisini. Dal 2018 i Poli parteciperanno a fiere e incontri di settore in Italia per la promozione dei loro spazi e servizi.
“La Tunisia usa i Poli e i parchi scientifici per rilanciare il sistema economico. In Italia i Poli sono stati usati come strumento di trasformazione urbana, noi per esempio siamo in un sito che era occupato dalle ferriere, in pieno centro a Torino. La Tunisia ha usa i vari poli, sul tessile, sull’agroalimentare, sulla meccatronica come hub di rilancio. E a parte i quattro presentati qui a Roma, ce ne sono anche altri che stanno nascendo”.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

A cinque anni dalla rivoluzione, l’economia della Tunisia è ancora fragile. La crescita c’è ma non sembra sufficientemente forte per riuscire a intaccare fenomeni quali la disoccupazione, la povertà e l’ineguaglianza. Tuttavia molti segnali di speranza arrivano soprattutto dalla politica tunisina che appare realmente determinata ad affrontare in maniera congiunta le sfide che attendono il Paese.

A cinque anni dalla rivoluzione, l’economia della Tunisia è ancora fragile. La crescita c’è ma non sembra sufficientemente forte per riuscire a intaccare fenomeni quali la disoccupazione, la povertà e l’ineguaglianza. Tuttavia molti segnali di speranza arrivano soprattutto dalla politica tunisina che appare realmente determinata ad affrontare in maniera congiunta le sfide che attendono il Paese.



__di


Pubblicato il


Leggi anche