Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

150820-F-VD052-010

Etiopia: a luglio in funzione il primo termovalorizzatore di Addis Abeba

La struttura per la generazione di energia dalla valorizzazione dei rifiuti urbani di Reppie, alla periferia sud-occidentale di Addis Abeba, entrerà in funzione a partire dal prossimo mese di luglio e comincerà a produrre elettricità per 50 MW.
A renderlo noto è stato un portavoce del governo etiope, ricordando che l’impianto è il primo del suo genere a essere realizzato in un Paese dell’Africa sub-sahariana.
Finanziato interamente dal governo di Addis Abeba, l’impianto è stato costruito da un consorzio di società cinesi che include la Cambridge Industries Ltd (CIL) e la China National Electric Engineering Co (CNEEC).
In base a quel che viene reso noto, l’impianto avrà la capacità di trattare 1400 tonnellate di rifiuti urbani al giorno al fine di produrre 185 GWora di elettricità all’anno. Il termovalorizzatore di Reppie sarà collegato alla rete elettrica nazionale e la sua produzione di energia è ritenuta sufficiente a soddisfare il fabbisogno di un quarto degli abitanti della capitale etiope.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Le energie rinnovabili rappresentano, insieme al gas, il futuro della produzione di energia in Africa. Dall'Africa Australe a quella Orientale, passando per quella Occidentale i paesi africani si stanno dotando di strumenti per spingerne l'uso.

Le energie rinnovabili rappresentano, insieme al gas, il futuro della produzione di energia in Africa. Dall’Africa Australe a quella Orientale, passando per quella Occidentale i paesi africani si stanno dotando di strumenti per spingerne l’uso.

coverEtiopia2017

E’ uno dei Paesi che maggiormente interessano le aziende italiane. La nuova Etiopia, che da tre lustri fa parlare di sé e vuole confermare tassi di crescita elevati e costanti, è un Paese che attrae le aziende italiane e da molti in Italia considerato più vicino rispetto ad altri nuovi mercati africani.



__di


Pubblicato il


Leggi anche