Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Etiopia e Sudan entrano a far parte della Banca asiatica

La Banca asiatica d’investimento per le infrastrutture (AIIB), istituita a Pechino nell’ottobre 2014 con lo scopo di affermarsi come un’istituzione finanziaria internazionale, ha adottato una risoluzione in cui acconsente all’adesione di 13 nuovi Stati membri, tra cui anche l’Etiopia e il Sudan.27921283346_735e40fa29_b
A renderlo noto sono i media cinesi, specificando che in questo modo salgono a 70 i membri dell’istituto che si propone in antitesi al Fondo Monetario Internazionale e alla Banca Mondiale. “L’interesse ad aderire all’AIIB da ogni parte del mondo dimostra i progressi che abbiamo realizzato per affermare la banca come un’istituzione internazionale”, ha detto il presidente dell’AIIB, Jin Liqun. In base a quel che viene riportato, i nuovi membri entreranno ufficialmente a far parte dell’istituzione finanziaria cinese non appena completeranno i processi domestici richiesti dall’AIIB e depositeranno la loro prima quota di capitale alla banca. L’unico altro paese del continente africano che aveva già aderito all’AIIB prima di Etiopia e Sudan era stato a marzo 2015 l’Egitto, circa due settimane dopo la richiesta di adesione dell’Italia. [MV]

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Per dicembre, mese di bilanci e di rendicontazioni, abbiamo pensato alle banche – africane e italiane – nel tentativo di fornire elementi di riflessione su una questione fondamentale quale è quella dei finanziamenti, delle coperture, delle lettere di credito, del rischio valutario, del riportare a casa i frutti del lavoro fatto all’estero.

Per dicembre, mese di bilanci e di rendicontazioni, abbiamo pensato alle banche – africane e italiane – nel tentativo di fornire elementi di riflessione su una questione fondamentale quale è quella dei finanziamenti, delle coperture, delle lettere di credito, del rischio valutario, del riportare a casa i frutti del lavoro fatto all’estero.



__di


Pubblicato il


Leggi anche