Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Uganda_-_View_on_Kampala

Uganda: governo stima crescita economica del 5,5%

L’economia nazionale ugandese è considerata in crescita del 5,5% nel prossimo anno fiscale che si conclude a giugno 2018, stimolata dalla riduzione dei tassi d’interesse e dai maggiori investimenti nel settore degli idrocarburi.
A renderlo noto è l’agenzia di stampa Reuters, rivelando i dati delle ultime stime del ministero delle Finanze di Kampala. A inizio febbraio, la Banca Mondiale aveva diffuso le proprie previsioni stimando una crescita del 5,2% nell’anno fiscale 2017/2018. “La crescita sarà sostenuta da una ripresa del credito al settore privato grazie all’allentamento della politica monetaria”, si legge nel documento finanziario. In base a quel che viene riportato, il governo di Kampala stima per l’anno fiscale in corso una crescita del 5% – un tasso di crescita inferiore di mezzo punto percentuale rispetto alle stime precedenti a causa dell’impatto sull’economia ugandese del conflitto in corso in Sud Sudan, del calo del prezzo delle materie prime sui mercati internazionali e della lenta realizzazione dei progetti per nuove infrastrutture pubbliche. A trainare la crescita economica in Uganda sarà secondo le stime del governo soprattutto la prossima emissione di concessioni per la produzione commerciale di petrolio, che è previsto possa cominciare entro i prossimi quattro anni, nonché gli investimenti per la costruzione dell’oleodotto verso la Tanzania e della ferrovia con il Kenya. Uganda_railways_assessment_2010_-_Flickr_-_US_Army_Africa_(6)

Nel prossimo anno fiscale, la spesa pubblica è previsto diminuisca dai quasi 7 miliardi di euro a 6,4 miliardi di euro, la maggior parte dei quali sarà destinata a finanziare i lavori pubblici nel settore dei trasporti e dell’energia. [MV]

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

L’Uganda potrebbe farcela. E farcela davvero. Dopo essersi liberato del conflitto che scuoteva le regioni Acholi, nel nord del paese, e aver rinforzato il ruolo di referente internazionale e regionale in Africa orientale, ora, grazie al petrolio, l’Uganda ‘rischia’ seriamente di riuscire a raggiungere quello sviluppo che il suo presidente anela da tempo.

L’Uganda potrebbe farcela. E farcela davvero. Dopo essersi liberato del conflitto che scuoteva le regioni Acholi, nel nord del paese, e aver rinforzato il ruolo di referente internazionale e regionale in Africa orientale, ora, grazie al petrolio, l’Uganda ‘rischia’ seriamente di riuscire a raggiungere quello sviluppo che il suo presidente anela da tempo.



__di


Pubblicato il


Leggi anche