Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Sierra Leone: Incontro UE-ACP, Kyenge: Intesa su sfide comuni per un futuro sostenibile

Si è aperto a Freetown, in Sierra Leone, il tredicesimo incontro regionale dell’Assemblea parlamentare paritetica Unione Europea-ACP (Africa, Caraibi, Pacifico).

In agenda ci sono diversi temi tra cui integrazione e cooperazione in Africa occidentale, pace e sicurezza, post Ebola, agricoltura e imprenditorialità nella regione. La partecipazione è ristretta a 10 deputati dell’area ACP e a 10 europarlamenari.
“Negli ultimi decenni, la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, l’Ecowas, ha compiuto progressi significativi – dice a InfoAfrica Cécile Kyenge, Vicepresidente dell’Assemblea parlamentare paritetica Ue-ACP, raggiunta a Freetown dove sta prendendo parte alla riunione – l’Ecowas ha compiuto progressi significativi, l’integrazione regionale è cresciuta, in particolare con Marcel de Souza, attuale presidente dell’organizzazione che riunisce i Paesi della regione. Progressi sono stati fatti nel campo dell’uso sostenibile delle risorse naturali, della conservazione e della diversità degli ecosistemi, nel dialogo tra gli Stati, nell’armonizzazione economica e giuridica e nella lotta collettiva contro il terrorismo. Noi prenderemo in considerazione tutti questi temi e su ciascuno ci confronteremo su come affrontare il futuro”.
La riunione di Freetown rientra fra le sei assemblee regionali, oltre alle due plenarie annuali, focalizzate su ciascuna delle sei regioni in cui si articolano i Paesi ACP. Quella in corso in Sierra Leone è dedicata all’Africa occidentale, un’area che sta facendo registrare tassi di sviluppo molto buoni ma che allo stesso tempo ospita aree di crisi, elementi di instabilità e che ha anche vissuto in tre dei suoi Paesi (Guinea, Sierra Leone e Liberia) una devastante epidemia di Ebola ora conclusa.
“Nel nostro programma di lavoro è inclusa una riflessione comune sulla situazione post-epidemia di ebola – prosegue Kyenge – i Paesi della subregione che erano al centro dell’epidemia sono riusciti a debellare l’epidemia, con il contributo innegabilmente fondamentale dell’Europa, ma come organizzarsi affinché tali malattie devastanti non colpiscano più?”.
Traditional_Farming_Methods_and_EquipmentsSi dibatterà di agricoltura come fattore di crescita sostenibile e inclusiva, in un confronto con Bukar Tijani, Vice Direttore Generale della FAO. Le più grandi sfide sul tavolo restano la pace e la sicurezza, in particolare nel Sahel e la stessa pirateria nel Golfo di Guinea. “Affronteremo questi argomenti anche con il contributo di Mohamed Ibn Chambas, capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per l’Africa occidentale e il Sahel – dice ancora a InfoAfrica l’eurodeputata – e affronteremo poi le sfide poste dalle migrazioni e dal traffico di esseri umani. Su questi temi transcontinentali, il lavoro delle assemblee parlamentari congiunte che teniamo periodicamente è di fondamentale importanza. Solo in una riflessione comune fra i Paesi di origine e transito e i Paesi di destinazione possiamo trovare le chiavi di soluzione per affrontare il tema delle migrazioni e le sue conseguenze”. [MS]

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Una mappa ragionata del continente con bilanci, prospettive e criticità: al suo interno sarà possibile consultare i dati sull’export italiano e il calendario delle iniziative dell’Agenzia ICE in Africa nel 2017, lo stato della crescita e delle tensioni nel continente, i Paesi che sono cresciuti di più nel 2016.

Una mappa ragionata del continente con bilanci, prospettive e criticità: al suo interno sarà possibile consultare i dati sull’export italiano e il calendario delle iniziative dell’Agenzia ICE in Africa nel 2017, lo stato della crescita e delle tensioni nel continente, i Paesi che sono cresciuti di più nel 2016.

Copertina-Agribusiness-150x210



__di


Pubblicato il


Leggi anche