Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

DSC_0173

Forum economico Camerun-Italia: ad aziende italiane la strada al confine con il Gabon

Il protocollo sottoscritto a margine del Forum economico Camerun-Italia tra il ministero dei Lavori pubblici di Yaoundé e l’azienda italiana di costruzioni SEAS, la società d’ingegneria Italferr del gruppo FS e Leonardo-Finmeccanica, ha come oggetto il progetto per la costruzione della strada tra la località di Oveng nella regione a Sud del Camerun e il confine con il Gabon, incluso un ponte sul fiume Kom.
A firmare il protocollo sono stati il ministro dei Lavori pubblici, Emmmanuel Nganou Djoumessi, e il direttore generale di SEAS, Andrea Bruschi, alla presenza del vice-ministro italiano degli Affari esteri con delega alla cooperazione internazionale Mario Giro in visita a Yaoundé per partecipare alla missione economica che ha accompagnato la delegazione di imprese italiane partecipanti alla fiera Salon Promote in corso in questi giorni nella capitale camerunense.
“Per la realizzazione di quest’opera SEAS si avvalerà dei servizi di due grandi aziende italiane – ha detto a InfoAfrica il responsabile per l’Africa di Italferr, Raffaele Lorusso, anch’egli presente a Yaoundé per la firma del protocollo – Italferr si occuperà della progettazione e della direzione dei lavori poiché si tratta di opere veramente complesse soprattutto per l’importante ponte sul fiume Kom, mentre Leonardo-Finmeccanica sarà incaricata di tutta la parte della sicurezza e del sistema di controllo doganale al confine con il Gabon”.
In base a quanto appreso da InfoAfrica, i lavori riguardano la realizzazione di un’infrastruttura viaria moderna lunga circa 70 chilometri e di un ponte di 80-100 metri laddove attualmente la strada è allo stato di pista.
Michele Pauselli di SEAS ha inoltre spiegato a InfoAfrica che le tre imprese italiane si sono impegnate a offrire entro i prossimi 12 mesi le offerte tecnico-ecoonomiche per la realizzazione delle opere. “E’ già stata fatta la supervisione dei luoghi dove realizzare i cantieri – ha aggiunto Pauselli – Credo quindi che saremo in grado di presentare molto presto le nostre offerte, in modo da cominciare al più presto i lavori”.
“Per SEAS questo accordo è molto importante – ha aggiunto Andrea Bruschi parlando con InfoAfrica – è l’apertura di un nuovo Paese che non conoscevamo e quindi si tratta di una riuscita essenziale”.
La realizzazione della strada tra Oveng e la frontiera con il Gabon rappresenta uno sviluppo fondamentale per promuovere il commercio regionale e facilitare gli scambi tra Camerun e Gabon, dove al di là del confine esiste già una strada asfaltata che arriva fino alla capitale Libreville. [MV]

 

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Scopri la "Piccola Africa" e i legami con l'Italia



__di


Pubblicato il


Leggi anche