Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Res4Africa: a Nairobi per un nuovo approccio sulle Energie Rinnovabili

“Quello che rende grande un paese non sono le sue infrastrutture, ma sono le persone”: con queste parole il professore Izael Da Silva, vice-rettore della Strathmore University di Nairobi, ha inaugurato i lavori della conferenza internazionale ‘A step change in the deployment of Renewables Energy in Eastern Africa’ promossa da Res4Africa, network internazionale di aziende, fornitori di tecnologie, mondo accademico, società di consulenza, impegnato nella cooperazione energetica e nella promozione della diffusione delle energie rinnovabili in Africa nata dall’ampliamento geografico delle attività di Res4Med.

La riduzione dei costi delle nuove tecnologie e la maggiore attenzione dei governi nel definire politiche adatte a promuovere l’uso delle rinnovabili e attirare nuovi investitori sono secondo Francesco Venturini, amministratore delegato di Enel Green Power e presidente di Res4Africa, i due fattori che maggiormente stanno contribuendo alla diffusione di soluzioni per produrre energia e garantire l’accesso universale all’elettricità.

Intervenendo alla conferenza di Res4Africa in corso a Nairobi presso la Strathmore University, Venturini ha evidenziato come sia infatti proprio la combinazione di questi due fattori a rendere possibile la realizzazione di impianti per la produzione di energia che siano allo stesso tempo vantaggiosi dal punto di vista dei costi e sostenibili dal punto di vista ambientale.

Quali sono le opportunità per l’Africa si è chiesto retoricamente Venturini, ricordando che in ogni caso il presupposto fondamentale resta la definizione di politiche che assicurino agli investitori la certezza dei loro investimenti?

“Il continente è ancora estremamente dipendente dagli idrocarburi per la produzione di energia, ma nonostante tali risorse a disposizione il livello della produzione è ancora molto al di sotto delle potenzialità – ha detto Venturini – Lo sviluppo delle tecnologie legate alle energie rinnovabili consente di portare l’elettricità dove adesso ancora non è arrivata con investimenti anche di piccola e media portata”.

Venturini ha sottolineato come la decisione di presentare l’associazione di Res4Africa a Nairobi non sia un caso: “Sono tanti i Paesi in cui vorremmo andare con questa iniziativa e il Kenya è tra questi, forse è anzi il Paese dove maggiormente concentreremo le nostre attività iniziali perché qui il clima d’affari, le opportunità e la politica di regolamentazione in materia è probabilmente tra le più avanzate nel continente”.

“Perché siamo qui come Res4Africa? – ha concluso Venturini – L’obiettivo di questa associazione è assicurare che pubblico e privato possano lavorare insieme, stabilendo obiettivi condivisi e proponendo un approccio comune. Non vogliamo venire in Africa semplicemente per costruire una centrale elettrica, non è questo il motivo per cui siamo qui. Il nostro scopo è invece offrire un approccio integrato, che includa anche la realizzazione di quella centrale ma sia concentrata soprattutto nella collaborazione con le realtà locali formando e istruendo i giovani che saranno poi nel prossimo futuro i tecnici incaricati di costruire effettivamente quella stessa centrale e realizzarne i lavori di manutenzione perché come è stato già detto qui in precedenza sono le persone a rendere grande un Paese e non soltanto le sue infrastrutture”. [MV]

Per approfondire:

 copertinaottobre2016-sito

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

Il numero di maggio è dedicato al nuovo approccio dell’Italia all’Africa, intendendo per Africa la regione subsahariana, dal momento che con l’area settentrionale le relazioni sono state da sempre molto più strette. Il nuovo corso si sta sviluppando su quattro livelli tra di loro comunicanti: cultura, sicurezza, solidarietà, economia

 



__di


Pubblicato il


Leggi anche