Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Viva l’Italia in Africa…..ma dov’è finito l’Isiao?

Dopo i viaggi di Renzi e Mattarella in Africa, Roma ospiterà il 18 maggio un vertice ministeriale Italia-Africa che vedrà la partecipazione di almeno una trentina di delegazioni africane.
L’Africa che chiede di essere ascoltata verrà in Italia con l’idea di trovare un Paese pronto a rispondere ad alcune
esigenze del continente; un continente che ha la voglia ma anche l’esigenza di crescere in fretta per affrontare tante
sfide, tra cui quella impellente dettata dall’impetuosa crescita demografica.
Sviluppo è la parola d’ordine per gli africani. Crederci deve essere quella per gli italiani. Fatti i viaggi, aperti
canali di comunicazione mai visti in passato, organizzate missioni di sistema, ora si deve assolutamente evitare l’errore di crederci a metà, perché sarebbe come non crederci affatto.
Di recente siamo stati ad Amburgo per un vertice Germania-Africa dedicato al settore energetico. Al di là
delle doti organizzative dei tedeschi, abbiamo notato i fondi messi a disposizione.
Ecco, avremmo voluto vedere uno sforzo economico in più in modo da consentire un ritorno maggiore per
un’iniziativa che riteniamo più che importante. Tuttavia, guardando al bicchiere mezzo pieno, non possiamo che
essere soddisfatti. Dalle pagine di questo mensile e dai lanci con cui su
InfoAfrica ogni giorno ‘rendicontiamo’ l’Africa che cresce e si sviluppa, abbiamo auspicato e in qualche modo
preparato il terreno perché la relazione tra Italia e Africa passasse anche attraverso consessi di questo tipo.
Ma il riavvicinamento tra Italia e Africa deve passare anche attraverso la cultura e la memoria. È per questo
motivo che rilanciamo un appello per la riapertura della biblioteca e dell’archivio dell’Istituto per l’Africa e l’Oriente
(Isiao) rivolto al ministro degli Esteri e al ministro per i Beni culturali dall’Associazione per gli studi africani
in Italia. ‘Africa e Affari’ condivide l’appello per il recupero di una struttura chiusa da quattro anni, perché il ministero
degli Esteri riveda l’intenzione di privatizzare la gestione del patrimonio storico, documentario e artistico
dell’Isiao; perché venga creato un istituto che si interessi scientificamente degli studi africani, gestisca gli strumenti
di conoscenza e gli archivi legati alla nostra storia e alla storia africana e mantenga l’integrità del patrimonio
storico e documentario dell’Isiao; perché la biblioteca e gli archivi vengano riaperti al più presto e tornino a essere
un centro vivente e palpitante di conoscenza e di studio.



Pubblicato il


Leggi anche

  • L’Africa di Lampedusa e le tante altre Afriche L’Africa che arriva in Italia è l’Africa che vediamo a Lampedusa, di migranti in fuga da violenze e povertà estrema a bordo di barconi, vittime di trafficanti di esseri umani pronti a far […]
  • Jammeh, i suoi ‘fratelli’ e l’inesorabile futuro Yahya Jammeh non aveva ancora 30 anni quando prese il potere nel piccolo Gambia. Lo scorso 22 gennaio, se ne è andato a bordo di un aereo dopo 22 anni, portandosi dietro un po’ di […]
  • Ascoltiamo l’Africa che racconta se stessa Un numero ricco questo che leggerete. Ricco anche perché in qualche modo registra l’attività dell’Italia in Africa ed è un fatto che tale attività sta crescendo. Lo scorso maggio - e ne […]
  • L’Africa che cambia Studi, rapporti, valutazioni dei principali istituti di ricerca: tutti sono d’accordo che l’Africa sta cambiando e sta valorizzando sempre più le sue risorse per essere protagonista di […]
  • L’Africa di Fidel Quando ancora in Italia e in altre parti del mondo si discuteva di come aiutare i tre Paesi dell’Africa occidentale colpiti da una devastante epidemia di ebola, Cuba rispose agli appelli […]
  • Energia rinnovabile per un’Africa sostenibile Non è la prima volta che ‘Africa e Affari’ dedica la propria copertina alle energie rinnovabili. Ce ne siamo occupati da sempre, lo facciamo in ogni singolo numero perché il tema […]