Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Per una cooperazione finalmente win – win

Questo numero di ‘Africa e Affari’ è dedicato alla cooperazione allo sviluppo e in particolare agli effetti della
riforma legislativa approvata quasi due anni fa. Innegabile è il ruolo della cooperazione come parte qualificante della politica estera, ma l’Italia ha finora usato soltanto una parte del potenziale a sua disposizione. Per certi versi è come se in Africa ci fossero state due Italie: una dedicata ai progetti
di sviluppo che ha percorso almeno in parte sentieri tracciati da oltre un secolo dalle congregazioni missionarie; e un’altra rappresentata dalle aziende, che in ordine sparso e al di fuori di logiche
di sistema ha affrontato mercati complessi, tornando a volte vittoriosa, altre volte sconfitta, in ogni caso registrando grandi difficoltà a creare un sistema di presenza. La riforma della cooperazione, incanalando i tanti sforzi dedicati al continente, potrebbe aprire un varco verso la creazione e il rafforzamento di logiche di azioni integrate, in cui le imprese, le banche, le istituzioni, il mondo universitario, le Ong e i partner locali possano finalmente dialogare e operare per il raggiungimento di fini comuni.
Questo numero è anche dedicato al recente viaggio di Sergio Mattarella in Africa, il primo del capo dello Stato italiano nella regione subsahariana.
Un viaggio che lo ha portato in Etiopia e in Camerun e che rafforza la percezione ormai evidente di un
interesse rinnovato, anzi inedito, dell’Italia nei confronti del continente.
Dopo i viaggi di Matteo Renzi, quelli di Mattarella hanno sancito un nuovo asse di interesse della politica estera italiana. L’Africa c’è e va di moda. Dobbiamo però ricordare che resta un continente complesso, dove le aziende devono andare ma devono andare preparate e informate. In Africa si va, ma non ‘a naso’.
Ulteriore punto di questo editoriale riguarda l’imminente vertice ministeriale Italia-Africa che sarà aperto il prossimo 18 maggio a Roma proprio dal presidente della Repubblica. Il vertice sarà un appuntamento importante e consentirà all’Italia di mostrarsi ancora di più all’attenzione dei dirigenti africani. Mattarella è stato accolto con entusiasmo e gioia sia in Etiopia sia in Camerun. E la sua visita è stata occasione per la firma di accordi. L’appuntamento di maggio, per le stesse ragioni, diventa momento da non sottovalutare e in grado di aprire spazi di collaborazione utili al mondo delle imprese, anche piccole e medie.
Chiudiamo con una nota culturale. Anche quest’anno Internationalia, il gruppo che edita questa rivista a cui fa capo l’agenzia di stampa InfoAfrica, sosterrà l’organizzazione del Roma Africa Film Festival. L’appuntamento per tutti gli appassionati di cinema e di Africa è alla Casa del Cinema di Villa Borghese dal 13 al 16 luglio.



Pubblicato il


Leggi anche

  • Un 2016 molto africano lì dove meno ti aspetti Il 2016 è stato un anno importante, un anno che segna la conferma definitiva di una nuova attenzione verso l’Africa da parte dell’Italia. Le visite del presidente del Consiglio, di vari […]
  • Un nuovo anno, una nuova Africa Gli Ape/Epa, i Millenium Development Goals (Mdg), Expo: questo 2015 appena iniziato sembra destinato a segnare un punto di svolta per l’Africa, soprattutto per le sue relazioni con il […]
  • Renzi in Africa, da qualche parte bisognava cominciare Questa volta sembra davvero quella buona. L’annuncio, lo scorso dicembre, dell’Iniziativa Italia-Africa aveva generato soddisfazione, aspettative, ma anche qualche mugugno da parte di chi […]
  • Mattarella incontra la collettività italiana e visita l’impianto della Ferrero CAMERUN – (da Yaoundé) Missionari e imprenditori, operatori di Ong ed esponenti del mondo universitario ieri sera hanno accolto alla residenza dell’Ambasciatrice a Yaoundé, Samuela Isopi, […]
  • Trump visto da qui Il rapporto tra il neo-eletto presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e l’Africa non sembra cominciare con il piede giusto. Come in ogni parte del mondo, anche il continente africano […]
  • Perché il 2016 sia l’anno dell’Italia È stato un anno complicato per molti paesi africani quello che si è appena chiuso. Il continente è cresciuto, in alcuni casi mantenendo se non migliorando le attese - è il caso per esempio […]