Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Il gruppo Axa diventa azionista di AIG -Africa Internet Group

Il gruppo francese di assicurazioni Axa entra a far parte del capitale dell’Africa Internet Group (Aig), uno dei leader dell’e-commerce in Africa, di cui diventerà anche il fornitore esclusivo di servizi finanziari e assicurativi.

Axa ha annunciato l’acquisto dell’8% delle quote dell’Aig, con l’investimento di 75 milioni di euro in questa nuova attività, che avverrà entro la fine del primo trimestre dell’anno. In parallelo, Axa e Aig hanno firmato un contratto per la fornitura di copertura assicurativa.

L’Aig possiede siti Internet in 23 paesi africani,tra cui il noto sito d’e-commerce Jumia, diffuso in 11 Stati.

Sarà soprattutto la garanzia di servizi assicurativi che Axa fornirà in esclusiva alle piattaforme di vendita online dell’Aig, come Jumia, Keymu, Hellofood, Jovago, Lamudi, Everjobs e Carmudi.

L’assicuratore francese Axa, alla pari dei suoi concorrenti internazionali, è sempre più interessato al mercato africano, “dinamico e promettente”, in cui vede molte opportunità di crescita per i prodotti assicurativi e finanziari. Negli ultimi anni ha comprato la Mansard Insurance in Nigeria e la compagnia assicurativa egiziana CIL.

Jumia, dal canto suo, sta crescendo velocemente in Africa, soprattutto in Nigeria, e nei primi nove mesi del 2015 ha generato 106,5 milioni di euro di fatturato.

Oltre ad Axa, sono azionisti dell’Aig aziende quali la Mtn sudafricana, il gruppo tedesco Rocket Internet e la multinazionale Millicom, con sede in Lussemburgo.

Per approfondire:

Per gli istituti di credito italiani l’Africa è finora stata una terra lontana e sconosciuta, ma la presenza di sempre più imprese che si avventurano a sud del Sahara chiamerà le Banche ad un nuovo attivismo

Per gli istituti di credito italiani l’Africa è finora stata una terra lontana e sconosciuta, ma la presenza di sempre più imprese che si avventurano a sud del Sahara chiamerà le Banche ad un nuovo attivismo



__di


Pubblicato il


Leggi anche