Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Nigeria: di nuovo possibili trasferimenti all’estero in valuta pregiata

NIGERIA – Da oggi in Nigeria si potrà tornare ad effettuare bonifici all’estero in valuta pregiata.

Lo hanno annunciato alcune delle principali banche commerciali del paese che ieri hanno inviato email ed sms ai propri clienti avvisando che sarà ora possibile effettuare trasferimenti all’estero dai conti in valuta straniera.

L’annuncio delle banche arriva a pochi giorni dalla decisione della Banca Centrale nigeriana di allentare le restrizioni sui depositi in contanti stranieri, introdotti soprattutto per tentare di frenare l’emorragia di riserve di moneta pregiata provocata dal calo del prezzo del petrolio.

La Nigeria, prima economia dell’Africa e primo produttore di greggio del continente, vede nel settore petrolifero la fonte al 95% delle riserve in valuta estera.

La Banca Centrale ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe consentito alle banche commerciali di accettare depositi in contanti di valuta estera, invertendo una restrizione imposta l’anno scorso quando tali depositi erano stati vietati per frenare la speculazione.

Secondo alcuni commentatori l’inversione di tendenza è legata alla recente visita del capo del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde che non ha risparmiato critiche alle restrizioni valutarie.

Secondo i messaggi inviati da Stanbic IBTC e Guaranty Trust Bank (GT Bank) si potranno trasferire all’estero un massimo di 10.000 dollari, o equivalenti, giornalieri.

Il Governatore della banca centrale ha detto che le riserve in valuta estera nel mese di gennaio erano pari a circa 28 miliardi di dollari rispetto a 37 miliardi del giugno 2014.

Per approfondire:

Per gli istituti di credito italiani l’Africa è finora stata una terra lontana e sconosciuta, ma la presenza di sempre più imprese che si avventurano a sud del Sahara chiamerà le Banche ad un nuovo attivismo

Per gli istituti di credito italiani l’Africa è finora stata una terra lontana e sconosciuta, ma la presenza di sempre più imprese che si avventurano a sud del Sahara chiamerà le Banche ad un nuovo attivismo



__di


Pubblicato il


Leggi anche