Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Conca d'Oro, 206 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

    captcha

    Africa: Presentata la Risk Map 2022 di Sace

    Il quadro del rischio di violenza politica in Africa, dove tra il 2021 e l’inizio del 2022 si sono verificati cinque colpi di Stato militari (Ciad, Guinea, Mali, Sudan, Burkina Faso) è “molto frastagliato”. 

    Lo si legge nella Risk Map 2022 presentata ieri da Sace, secondo qui anche quest’anno la regione sub-sahariana del continente presenta casi in cui il quadro delle finanze pubbliche si riflette negativamente sugli score come, ad esempio, il Kenya che si avvicina alle incerte elezioni presidenziali del prossimo agosto con un’economia colpita dagli effetti della pandemia sul settore turistico, una situazione debitoria deteriorata e dei conti fragili con l’estero. 

    Il Ghana, con un debito pubblico ai limiti della sostenibilità, paga una difficile governabilità del Paese, con un esecutivo che manca di un pieno supporto della maggioranza parlamentare e che quindi è rallentato nel processo di un adeguato consolidamento dei conti pubblici, mentre la Costa d’Avorio è tra le realtà più vivaci grazie anche alla riforma fiscale che incentiva l’afflusso di capitali esteri nei settori strategici. 

    Riguardo invece i rischi politici, l’Etiopia con la crisi in Tigray resta secondo Sace il principale focolaio di crisi umanitaria nel continente africano. Nel rapporto viene anche ricordata la situazione della Tunisia dove si è assistito a un aumento delle proteste a causa del peggioramento degli standard di vita esacerbato dalla pandemia.

    Le evoluzioni negative del clima e il loro impatto sulle risorse naturali – prosegue Sace – si ripercuotono sulle popolazioni, favorendo tensioni tra le comunità locali. Ad esempio, vale per l’Africa del Nord e Subsahariana, soggetta a fenomeni di siccità e desertificazione, come in Nigeria, oltre a Mali, Burkina Faso e Repubblica Centrafricana, dove scontri tra pastori e coltivatori sono acuiti spesso da infiltrazioni di gruppi islamisti o forze antigovernative e sfociano in episodi di violenza. [Da Redazione InfoAfrica]© Riproduzione riservata

    Leggi il nostro numero sulle prospettive del 2022 in Africa: https://www.africaeaffari.it/rivista/2022-un-anno-di-consolidamento



    __di


    Pubblicato il


    Leggi anche