Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Tunisia: La Francia premia l’olio d’oliva Terra Delyssa

L’olio d’oliva tunisina Terra Delyssa, del gruppo Dho, è stata eletta “prodotto dell’anno 2021” in Francia. La certificazione, di cui dà notizia il portale L’Economistemaghrebin, è un forte incoraggiamento alla consumazione di questo prodotto, un olio extravergine garantito senza residui di pesticidi. Terra Delyssa  – un appellativo dedicato alla regina Elyssa, fondatrice e prima regina dell’antica Cartagine – sta diventando un marchio di olio d’oliva riconosciuto a livello internazionale. Nei mesi scorsi, ha vinto la medaglia d’argento alla World Olive Oil Competiton 2020, una gara mondiale nota ai protagonisti dei settori e molto seguita dai commercianti attivi nella filiera. Ma non è tutto: nel 2019 la Terra Delyssa era stata riconosciuta Prodotto dell’anno in Germania, e in Francia, aveva già vinto il premio Sapore dell’anno 2018 e il Premio Nazionale di Qualità nel 2015. Il prestigio acquisito dal prodotto corona il sogno di Abdelaziz Makhloufi, fondatore del gruppo Cho nel 1996. Figlio di un contadino e intriso di amore per la terra e in particolare per l’ulivo, il frantoio di famiglia si è trasformato, in 20 anni,  in uno dei più potenti gruppi olivicoli, in un mercato in cui la concorrenza è feroce, in particolare da parte dei grandi produttori globali tradizionali. Ad oggi, Cho copre circa  20% delle esportazioni di olio d’oliva tunisino e il 54% delle esportazioni di olio d’oliva confezionato verso i 40 mercati in cui i prodotti del gruppo sono distribuiti oggi. “L’olio d’oliva tunisino è rimasto fino alla metà degli anni ’90 esportato esclusivamente sfuso e imbottigliato dai maggiori produttori mondiali. Era ora di liberarla e riconciliarla con la sua origine. E l’unico modo per ottenere questo risultato era creare un posto per la bottiglia di olio d’oliva “made in Tunisia” imporlo sul mercato mondiale “, spiega Abdelaziz Makhloufi. Il gruppo si dice anche attento all’impegno sociale e ambientale, che si manifesta in particolare nel sostegno agli agricoltori e mugnai tunisini, ma anche nelle varie forme di sensibilizzazione sulle pratiche di “buon comportamento” di cui è promotore. È il caso, ad esempio, dei vari corsi di formazione organizzati dal gruppo con l’obiettivo di evidenziare gli standard di qualità e il coinvolgimento e l’importanza di ogni anello della filiera nel processo produttivo. Il gruppo Cho si impegna inoltre a definire una strategia di sviluppo sostenibile che si basi principalmente su nuove piantagioni per minimizzare la propria impronta di carbonio e promuovere investimenti nelle aree di sviluppo regionale per la creazione di nuove opportunità di business occupazione e ricchezza. Le esportazioni tunisine di olio d’oliva hanno raggiunto le 146.000 tonnellate alla fine di marzo 2020 per un valore totale di 896 milioni di dinari contro le 80.000 tonnellate ed entrate per 740 milioni di dinari nel 2019. I dati sono stati forniti dell’amministratore delegato del Consiglio nazionale per l’olio d’oliva, Chokri Bayoudh. La suddivisione geografica dei mercati internazionali rivela che l’Unione europea rimane il principale mercato della Tunisia con l’Italia e la Spagna maggiori importatori. Gli Stati Uniti hanno importato il 15%. [Da Redazione InfoAfrica]© Riproduzione riservata



__di


Pubblicato il


Leggi anche