Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Ferrovie: prestito da oltre 250 milioni per Transnet

SUDAFRICA – Un prestito di 250 milioni di dollari è stato concesso dalla Banca Africana di Sviluppo (AfDB) alla compagnia statale ferroviaria e portuale sudafricana Transnet.

Lo riferisce la stessa Afdb in una nota nella quale precisa che il prestito, spalmato su 20 anni, consentirà alla Transnet di aumentare la propria dotazione al fine di soddisfare la strategia del governo sudafricano che intende passare dal trasporto merci su strada a quello su ferrovia e assicurare così la sostenibilità dei corridoi merci. 

Questa assistenza della Banca sarà utilizzata in particolare per acquisire locomotive necessarie a raggiungere una capacità di trasporto di 176 milioni di tonnellate all’anno, contro gli 80 milioni di oggi.

Transnet ha un ambizioso piano settennale di investimenti (2013-2020) pari a circa 27 miliardi di dollari per riparare, migliorare e sviluppare le sue infrastrutture, e rendere il Sudafrica efficiente e competitivo nel settore dei trasporti. 

Il 51% dell’investimento totale sarà utilizzato per riparare o sostituire le infrastrutture esistenti e il resto per acquisire capacità aggiuntive.

Anche se è una società di proprietà statale, Transnet è giuridicamente e finanziariamente indipendente. E’ responsabile di assicurare che il sistema di trasporto delle merci sudafricano sia conforme agli standard internazionali e alle esigenze dell’economia nazionale. 

Oltre al Sudafrica, Transnet è anche l’unico fornitore per altri paesi dell’Africa Australe, tra cui Swaziland, Mozambico, Namibia, Botswana, Lesotho, Zimbabwe, Zambia, Repubblica Democratica del Congo e Tanzania.

Per approfondire:

Un quadro completo della situazione economica, politica e sociale sudafricana.

Un quadro completo della situazione economica, politica e sociale sudafricana.

 



__di


Pubblicato il


Leggi anche