Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Economia in caduta libera per Liberia e Sierra Leone a causa di Ebola

Mentre l’epidemia di ebola che colpisce alcuni paesi dell’Africa Occidentale – Liberia, Sierra Leone, Guinea – continua a espandersi e non viene contenuta, i governi e le istituzioni internazionali hanno confermato i timori di alcune settimane fa evidenziando i gravissimi contraccolpi economici che il virus sta provocando in questi paesi.

Diffusasi in paesi già particolarmente fragili e poveri di risorse, l’epidemia di Ebola sta affondando le economie di Stati impegnati nella ricostruzione e che avevano appena cominciato a riprendersi da decenni di conflitti interni.

Se l’agricoltura, che occupa oltre l’80% della popolazione, è il settore più colpito, le conseguenze dell’epidemia non risparmiano alcun comparto produttivo. I costi per rispondere alla diffusione del virus aumentano e cominciano a diventare insostenibili per le magre casse statali e l’isolamento internazionale a cui sono stati relegati i paesi teatro dell’epidemia sembra dare il colpo di grazia.

SIERRA LEONE – L’epidemia di Ebola non solo sta affondando l’economia della Sierra Leone ma sta diventando un costo elevato per il governo.

Lo ha detto il ministro Finanze sierraleonese Kelfalla Marah sottolineando come l’economica avrebbe dovuto far registrare una crescita dell’11,3% ma, a causa dell’epidemia di ebola, le previsioni sono crollate improvvisamente intorno al 7% con aziende che chiudono i battenti e un tasso di cambio sempre più sfavorevole.

“Mentre ebola continua a diffondersi, le compagnie aeree non volano sopra i nostri cieli, i prezzi delle materie prime sono saliti improvvisamente e le entrate sono crollate. Tecnicamente, possiamo dire che siamo isolati” ha detto il ministro.

Il governo, che finora ha stanziato 60 milioni di dollari per contenere la diffusione del virus, ha annunciato stanziamenti per altri 10 milioni.
In generale, la crisi ha colpito quasi ogni aspetto dell’economia: ad esempio, il riso è salito del 25%. Inoltre, tutti i mercati del paese ormai chiudono intorno alle 18:00 per evitare il contatto umano.

LIBERIA – La Liberia è entrata in un periodo di recessione e il governo ha bisogno di contenere la spesa dal momento che la più letale epidemia di ebola del mondo ha completamente frenato l’agricoltura e gli Affari.

Lo ha detto il ministro delle Finanze Amara Konneh, il quale incontrando i giornalisti a Monrovia, ha spiegato che l’economia è in brusca frenata a causa della malattia e che questo “significa che dobbiamo stringere la cinghia , riducendo la spesa a quella che siamo in grado di sostenere”.

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha tagliato le previsioni di crescita economica per la Liberia al 2,5 per cento quest’anno, a fronte di una precedente stima del 5,9 per cento. La stessa cosa è accaduta anche per gli altri paesi interessati dall’epidemia Sierra Leone e Guinea, 2,4 per cento invece del 3,5 per cento previsto da FMI.

Liberia è stata la più colpita dalla epidemia di Ebola , registrando 1.224 dei 2.288 morti dal primo caso nel mese di dicembre , secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità . Ministero della Salute della Liberia mette morti del paese a 1.263 .

Il settore maggiormente colpito è quello agricolo, ha precisato il ministro delle Finanze liberiano, dal momento che il virus si è diffuso soprattutto nella contea rurale di Lofa , una delle zone di maggior produzione agricola del paese, impedendo ai contadini di lavorare i campi e limitando le produzioni dedicate all’esportazione come caffè e cacao.

“Stiamo perdendo l’intera stagione agricola a causa di Ebola” ha detto Konneh, il quale ha anche aggiunto che l’epidemia ha messo il paese al margine di tutti i circuiti commerciali locali e internazionali.

Anche l’industria non è esente da questa tendenza: Sime Darby Bhd ( SIME ) , il più grande produttore di olio di palma del mondo , ha rallentato la produzione , e ArcelorMittal, il più grande produttore di acciaio al mondo, ha ritardato i piani di espansione di una miniera di ferro nel paese.



__di


Pubblicato il


Leggi anche