Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Libia: aumento del 76% delle entrate da idrocarburi nel 2018

I proventi del petrolio e del gas della Libia nel 2018 faranno registrare un balzo in avanti impressionante, nonostante le sfide alla produzione non siano ancora cessate.

E’ quanto emerge dagli ultimi dati diffusi nei giorni scorsi dall’azienda nazionale degli idrocarburi, NOC, la quale ha precisato che secondo le previsioni ufficiali, le entrate derivanti dal settore degli idrocarburi nel 2018 si attesteranno intorno ai 24,2 miliardi di dollari, facendo segnare un aumento del 76% rispetto all’anno precedente.

La NOC ha fatto sapere che i proventi di petrolio e gas di novembre sono stati di $ 2,4 miliardi, in calo rispetto ai 2,87 miliardi di ottobre, ma comunque in linea con i dati di produzione dell’intero anno 2018.
Sebbene inferiori rispetto al mese precedente, le entrate di novembre sono state la terza cifra mensile più alta nel 2018, ha detto NOC.

Nonostante i problemi di sicurezza che hanno influito sulla produzione dei giacimenti petroliferi libici, quest’anno le entrate del NOC sono state aumentate grazie all’aumento dei prezzi del petrolio e della produzione.

La Libia attualmente produce circa 1,15 milioni di barili al giorno di petrolio.

“NOC continuerà a guidare la ripresa economica e fornirà i fondi necessari per assicurare un’equa distribuzione della ricchezza e della giustizia economica in tutto il paese”, ha detto in una nota Mustafa Sanalla, presidente del NOC.

La scorsa settimana, la NOC ha dichiarato forza maggiore nel suo più grande giacimento di petrolio dopo che era stato occupato da manifestanti armati e guardie statali che chiedevano pagamenti di stipendi e fondi per lo sviluppo.

NOC e il governo riconosciuto a livello internazionale hanno concordato un piano di sicurezza questa settimana per proteggere il campo di Sharara, compresa la creazione di zone verdi per impedire a chiunque di entrare senza permesso.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

In questo numero abbiamo tentato un difficile fermo immagine su una situazione in continua evoluzione: tra segnali positivi, e dubbi sulla capacità del Paese di uscire dalle sabbie mobili in cui è impantanato.



__di


Pubblicato il


Leggi anche