Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

African Investment Forum: tanti gli accordi firmati già nel primo giorno

Accordi e transazioni, non chiacchiere: questo il mantra che gli organizzatori del primo Forum per gli investimenti africani (AIF) promosso dalla Banca africana di sviluppo (AfDB) hanno ripetuto sin dall’apertura dei lavori dell’evento che ieri ha preso il via al Sandton Convention Center di Johannesburg. 

Alla presenza di numerosi capi di Stato – ieri erano presenti il presidente del Ghana, quello dell’Etiopia e del Sudafrica – nel corso dell’intera giornata sono firmati numeri accordi e memorandum of understanding in tutti i campi più disparati.

Al mattino presto, prima ancora che iniziasse la Conferenza, è stata lanciata la Road Map con cui Power Africa (il progetto della cooperazione statunitense per l’elettrificazione del continente) intende favorire e sviluppare nuovi progetti di trasmissione elettrica e solo qualche ora più tardi un accordo di collaborazione tra Power Africa e la African Trade and Development Bank. 

Altro importante accordo quello siglato tra Afdb e l’Agenzia marocchina per l’energia sostenibile (Masen) per sostenere i paesi africani, in particolare quelli della regione del Sahel destinatari di “Desert to Power”, nello sviluppo di tecnologie di energia rinnovabile. 

Sempre sotto il cappello dell’Africa Investment Forum è stato firmato un accordo tra i governi di Congo Brazzaville e Congo Kinshasa per rilanciare il progetto di costruzione di un ponte multimodale (strada e ferrovia) sul fiume Congo per collegare le due capitali. 

Un altro accordo per accelerare l’integrazione economica delle donne e lo sviluppo delle PMI in Africa è stato siglato tra Afdb e la cooperazione canadese (Findev Canada).

Infine, un’importante intesa formale è stata raggiunta ieri tra tutti i principali organismi finanziari africani (Afdb, Ati, Afreximbank) ma anche la Banca islamica di sviluppo (Isdb) per creare una piattaforma congiunta per co-garantire importanti operazioni infrastrutturali ed energetiche nel continente.  

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Un numero dedicato alla Banca africana di sviluppo (AfDB), che sta diventando sempre di più anello di congiunzione tra mondo privato e settore pubblico, finanziando i grandi lavori necessari a colmare il gap continentale.



__di


Pubblicato il


Leggi anche