Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Libia: le entrate del petrolio volano, nonostante la crisi

Nonostante la crisi politico-militare, le entrate petrolifere del 2018 hanno già ampiamente superato quelle dello scorso anno ed entro fine anno potrebbero raddoppiare la quota del 2017 .

A riferirlo è l’azienda petrolifera nazionale libica, la National Oil Corporation (NOC), in una nota diffusa ieri nella quale si precisa che “nonostante la recente crisi del Golfo di Sirte e altre sfide operative nazionali, il fatturato del NOC 2018 da inizio anno ha già superato il totale del 2017 (13 miliardi di dollari)”.

Il petrolio è la principale fonte di reddito della Libia. Il settore ha sofferto a partire dalla rivolta del 2011 che ha rovesciato il regime del precedente leader Gheddafi, a causa di conflitti armati e la chiusura di giacimenti petroliferi e porti da parte di gruppi armati.

Si prevede che le entrate petrolifere libiche per l’anno in corso siano pari a 23,4 miliardi di dollari, “se la società dovesse continuare a lavorare senza ostacoli”, precisa la nota, quasi raddoppiando la quota del 2017.

“Nonostante le continue sfide nel settore, i ricavi del portafoglio di prodotti combinati testimoniano la performance produttiva di NOC negli ultimi tempi, compreso un picco di produzione del 2018 di 1,3 milioni di barili di petrolio a febbraio. Continuiamo a guidare le prestazioni nelle nostre operazioni e alimentiamo la ripresa economica libica, “ha detto il presidente del NOC Mustafa Sanalla.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

In questo numero abbiamo tentato un difficile fermo immagine su una situazione in continua evoluzione: tra segnali positivi, e dubbi sulla capacità del Paese di uscire dalle sabbie mobili in cui è impantanato.



__di


Pubblicato il


Leggi anche