spot_img
0,00 EUR

Nessun prodotto nel carrello.

L’Africa ad EXPO2015, si comincia oggi dal Cluster del Mediterraneo

di: Redazione | 9 Febbraio 2015

Ci sono Algeria, Egitto, Libia e Tunisia nel Cluster Bio-Mediterraneo di EXPO2015 Milano, l’esposizione universale che prenderà il via il prossimo 1 maggio nel capoluogo lombardo.
Proprio dal Cluster Bio-Mediterraneo partono oggi le giornate di presentazione ufficiali dedicate a ciascuno dei nove cluster tematici che, raggruppando più paesi sotto un unico tema, hanno consentito la partecipazione all’edizione italiana dell’esposizione universale anche a paesi del Sud del Mondo in passato assenti da simili manifestazioni.
In ogni giornata viene presentato un Cluster di Expo Milano 2015, con ospiti d’eccezione, performance culinarie e degustazioni guidate alla scoperta delle specialità dei Paesi espositori.
Il primo appuntamento è fissato per oggi, lunedì 9 febbraio, quando il Cluster Bio-Mediterraneo dimostrerà ancora come il Mar Mediterraneo ha rappresentato nella storia il punto d’incontro tra i popoli e le civiltà bagnate dalle sue acque che uniscono tre continenti: Africa, Asia ed Europa.
Tranne Marocco, Nigeria ed Angola, che hanno deciso di essere presenti ad EXPO Milano con dei propri padiglioni nazionali, quasi 30 paesi africani su 55 saranno presenti all’esposizione milanese all’interno dei Cluster.
Se il Cluster Mediterrano riunisce le nazioni del Maghreb, molti paesi africani figurano nei cluster di Caffè, Cacao, Riso.
I prossimi appuntamenti per la presentazione dei cluster si terranno:
lunedì 16 febbraio: Isole, Mare e Cibo
lunedì 2 marzo: Zone Aride – L’agricoltura e l’alimentazione delle zone aride
lunedì 9 marzo: Cereali e Tuberi – Vecchie e nuove colture
lunedì 16 marzo: Riso – Abbondanza e sicurezza
lunedì 23 marzo: Frutta e Legumi
lunedì 30 marzo: Spezie – Il mondo delle spezie
lunedì 20 aprile: Caffè – L’energia delle idee
lunedì 27 aprile: Cacao e Cioccolato – Il cibo degli dei

Articoli correlati

Partecipa

spot_img

I Podcast

spot_img

Rubriche