spot_img
0,00 EUR

Nessun prodotto nel carrello.

Africa: è online il rapporto The State of African Energy 2024 Outlook

di: Redazione | 13 Novembre 2023

L’African Energy Chamber (Aec) ha appena pubblicato il suo ultimo rapporto incentrato sul settore: “The State of African Energy 2024 Outlook” ora disponibile per il download.

L’Outlook 2024 dell’Aec offre approfondimenti su progetti, tendenze e proiezioni, fungendo da guida ufficiale per investire nell’energia africana. Dalle dinamiche dei flussi di cassa e le tendenze degli investimenti ai modelli di produzione e agli sforzi di esplorazione, al gas a basse emissioni di carbonio e alle energie rinnovabili, il rapporto è una guida essenziale per comprendere l’evoluzione del settore energetico dell’Africa.

Sul fronte del capitale, le prospettive forniscono informazioni sulle tendenze in corso e sui cambiamenti previsti. In particolare, le compagnie petrolifere nazionali (Noc) e le major petrolifere internazionali emergono come i principali motori della generazione di flussi di cassa liberi durante il periodo 2023-2024. Sebbene sia previsto un calo del 25% delle entrate pubbliche annuali rispetto ai livelli del 2022, il rapporto mostra che rimangono comunque notevolmente più elevate rispetto all’era pre-pandemia, evidenziando la resilienza e l’adattabilità del settore ai cambiamenti del panorama energetico globale.

Per quanto riguarda la distribuzione del Capex, si prevede che l’Africa settentrionale e occidentale diventeranno leader sia nella spesa cumulativa che annuale nel prossimo decennio, con una forte attenzione ai liquidi. In particolare, il rapporto identifica Nigeria, Libia, Algeria, Angola e Mozambico come i primi cinque Paesi che spendono in questo periodo, con le Noc e i principali attori del settore che dovrebbero rappresentare collettivamente i due terzi del Capex totale.

Inoltre si prevede che la produzione globale di petrolio e condensati aumenterà nel 2024, trainata principalmente dal Medio Oriente e dalle Americhe. I principali fattori trainanti della domanda per i prossimi 18 mesi saranno i settori del trasporto stradale e petrolchimico. Sul fronte della domanda e dell’offerta, l’analisi rivela che per la seconda metà del 2023 è prevista una sostanziale disparità di 2,15 milioni di barili al giorno (bpd), con le previsioni che questo divario si ridurrà a circa 1 milione di barili al giorno nel 2024. I Paesi membri dell’Opec svolgono un ruolo cruciale nel guidare la produzione di petrolio e condensati dell’Africa, nonostante le sfide nella conformità della produzione dovute al calo della produzione.

Si prevede anche una crescita della domanda di trivellazione e impianti di perforazione che dovrebbe persistere fino al 2024, dopodiché si prevede un graduale calo. Il rapporto prevede livelli salutari di attività di perforazione esplorativa per il periodo 2023-2025, con Algeria, Egitto, Namibia e Nigeria che emergono come motori principali. Con un totale di 177 blocchi in palio nei round di concessione delle licenze in tutta l’Africa e i premi per questi blocchi che si prevede si concluderanno entro i prossimi 18 mesi, il rapporto evidenzia le opportunità strategiche per gli operatori E&P.

Per quanto riguarda il gas, il rapporto prevede un notevole aumento globale della domanda sia di gas naturale che di gas naturale liquefatto (Gnl), superando i livelli di offerta esistenti. L’equilibrio del mercato globale del gas dipende da nuovi progetti e riserve non sfruttate, e il rapporto sottolinea l’importanza duratura del gas naturale nel mix energetico dell’Africa fino al 2050, con il continente sul punto di diventare uno dei primi cinque esportatori di Gnl. Si prevede che il Nord Africa guiderà la fornitura di gas naturale, mentre l’Africa occidentale guiderà le esportazioni di Gnl.

Nel frattempo, la prevista crescita della capacità di energia rinnovabile, guidata principalmente dalle risorse solari ed eoliche onshore, presenta un cambiamento significativo nel panorama energetico. Il rapporto mostra che l’idrogeno è pronto a svolgere un ruolo progressivamente influente, in particolare durante gli anni 2030. Paesi come Egitto, Marocco, Mauritania e Sudafrica emergono come leader nel portare avanti gli sforzi per la sostenibilità. [Da Redazione InfoAfrica]

© Riproduzione riservata

Leggi il nostro focus sulle opportunità legate allo sviluppo della filiere energetica in Africa: https://www.africaeaffari.it/rivista/energia-la-via-africana

Articoli correlati

Partecipa

spot_img

I Podcast

spot_img

Rubriche