Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Zambia: le rinnovabili strategiche per rispondere alla sfida dei cambiamenti climatici

Grazie alle sue risorse di energia rinnovabile, lo Zambia può migliorare la propria diversificazione energetica e rafforzare la resilienza del proprio sistema elettrico per far fronte alle sfide attuali e future legate ai cambiamenti climatici integrando fonti energetiche rinnovabili variabili (VRES) nel proprio sistema energetico: è questo il risultato dello studio Integration of Variable Renewable Energy Sources in the National Electric System of Zambia, realizzato da RES4Africa Foundation ed Enel Foundation in collaborazione con Cesi, il Ministero dell’Energia dello Zambia, Zesco, l’Energy Regulation Board (Erb) e il Southern African Power Pool (Sapp). Lo studio è stato presentato nel corso di un evento online seguito da più di 300 partecipanti e incentrato sui cambiamenti climatici e le energie rinnovabili nel Paese africano, promosso e organizzato da RES4Africa e dall’Ambasciata d’Italia in Zambia.

Il sistema di generazione energetica dello Zambia – si legge in una nota – si basa quasi interamente sull’energia idroelettrica, che rappresenta circa l’85% della capacità totale installata: questo rende il Paese estremamente dipendente dalla disponibilità di acqua. Il cambiamento climatico e i sempre più frequenti eventi naturali estremi che ne derivano, come per esempio la siccità, stanno già compromettendo la sicurezza dell’approvvigionamento energetico nel Paese e si prevede che la situazione peggiorerà nei prossimi anni. Una strategia di diversificazione energetica nel settore elettrico che includa tecnologie a basso fabbisogno idrico, come l’energia eolica e il solare fotovoltaico, potrebbe offrire un’importante soluzione allo Zambia.

Per rendere possibili questi cambiamenti, è stato sottolineato nel corso dell’incontro, è fondamentale incrementare gli investimenti privati nel settore energetico dello Zambia. Nel 2017, il Ministero dell’Energia ha lanciato la “Strategia REFiT” per accelerare gli investimenti privati in progetti di energia rinnovabile di piccole e medie dimensioni. Il Paese deve ora rivolgere la propria attenzione allo sviluppo di impianti rinnovabili di grande taglia, non idroelettrici, che gli permettano di proseguire nel percorso di diversificazione del mix di generazione.

“La IEA prevede che in Africa verranno aggiunti circa 260 GW di capacità rinnovabile entro il 2040: ciò significa che saranno necessari circa 1,5 trilioni di dollari di investimenti sia nella generazione che nella rete” afferma Roberto Vigotti, Segretario Generale della Fondazione RES4Africa, “Il futuro del settore energetico africano giocherà un ruolo cruciale non solo per l’Africa ma anche per l’Europa, poiché sarà fondamentale non solo per lo sviluppo sostenibile del continente ma anche per la mitigazione del cambiamento climatico. Con le rinnovabili, lo Zambia – e l’intera Africa – ha la possibilità di scrivere un nuovo futuro”.

“Considerando le enormi opportunità fornite dalle energie rinnovabili in Zambia e gli impegni dei nostri governi nella mitigazione del cambiamento climatico, attendiamo con impazienza un’ulteriore cooperazione tra i nostri due paesi sugli aspetti più importanti delle questioni ambientali e dello sviluppo sostenibile” conclude Antonino Maggiore, Ambasciatore d’Italia in Zambia. [Redazione InfoAfrica] © Riproduzione riservata

Per approfondire:

Non mancano le difficoltà per lo Zambia, soprattutto sul fronte finanziario, tuttavia il Paese può contare su innegabili punti di forza, non ultima una tranquillità interna che consente di guardare avanti con grande fiducia

Condivisione e circolarità, lo sviluppo nel segno del legame acqua-energia-cibo



__di


Pubblicato il


Leggi anche