Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Oltre 250 imprese all’avvio di E-Africa Business Lab di ICE

È partita ieri con una grande partecipazione, oltre 250 le aziende collegate, la prima fase del programma dell’E-Africa Business Lab, il nuovo progetto dell’Agenzia ICE mirato ad accompagnare le Piccole e medie imprese (Pmi) italiane sui nuovi mercati del continente africano.

Introducendo i lavori del primo (Perché Africa, perché esserci?) di 16 webinar informativi/formativi che costituiranno l’intero corso in rappresentanza dei tre partner dell’iniziativa, Alessandra Rainaldi (Agenzia Ice), Mariangela Siciliano (Sace Simest) e Pier Luigi D’Agata (Confindustria Assafrica & Mediterraneo) hanno ribadito l’obiettivo di questo percorso on line gratuito di formazione: accompagnare le aziende verso la conoscenza e le potenzialità dei mercati dell’Africa sub-sahariana. Alessandra Rainaldi, responsabile del progetto per ICE Agenzia, ha poi evidenziato che E-Africa Business Lab intende fornire alle aziende strumenti pratici di conoscenza e di operatività sui mercati africani, mettendo le Pmi in contatto con una rete di soggetti pubblici e privati che già operano nel continente per costruire partnership con attori africani in un’ottica di reciproco vantaggio. 

Chiamando a rompere i vecchi stereotipi legati all’Africa che non raccontano la contemporaneità di un continente in continuo mutamento, il direttore di Africa e Affari/InfoAfrica, Massimo Zaurrini, ha aperto i lavori sottolineando che nonostante l’urgenza Covid costituisca un elemento di preoccupazione sul breve periodo, l’andamento dei tre mega-trend – crescita economica, crescita demografica e urbanizzazione – è ormai in atto in Africa da circa 20 anni. Nonostante il calo di liquidità e di valuta pregiata che genera l’attuale emergenza sanitaria nel continente e i seri rischi commerciali che caratterizzano alcuni paesi, Alessandro Terzulli, Chief Economist di Sace Simest, polo dell’export italiano e parte del gruppo Cassa Depositi e Prestiti, ha ricordato che dopo la recessione prevista per il 2020 a causa del Covid (si tratta della prima dal 1992 per l’Africa), le stime prevedono un forte rimbalzo per l’area Subsahariana e un conseguente ritorno alle tendenze di crescita anteriori alla pandemia.

Un richiamo all’attenzione e a un’attenta valutazione dell’impatto che il Covid avrà sulle economie africane è stato fatto dal Direttore Generale dell’Africa Sub-Sahariana presso il Ministero per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale (Maeci), Giuseppe Mistretta, il quale ha anche sottolineato la necessità di investimenti creativi più che commerciali in Africa, e cioè mirati alla formazione locale di una popolazione che rappresenterà da sola un quarto della forza lavorativa mondiale entro il 2060. Particolarmente apprezzate poi le testimonianze di due realtà italiane molto attive in Africa: il Gruppo Piccini e la Fiera Macfrut. Parlando in rappresentanza del gruppo Piccini – attivo nelle infrastrutture, nelle costruzioni e nell’energia in molti Paesi del continente – Daniela Rossi ha evidenziato l’importanza per le aziende della penisola determinate a internazionalizzare le proprie attività in Africa a impegnarsi in progetti a lungo termine (“e non un mordi e fuggi”) per diventare “imprenditori del territorio”.

A raccontare la sua esperienza è stato poi il presidente della fiera di Cesena e di Macfrut, Renzo Piraccini, il quale ha sottolineato le grandi opportunità per tutta la filiera dell’ortofrutta e dell’agroalimentare (soprattutto per i produttori di macchine e tutte le attività che aggiungano valore alla produzione) in Africa, soprattutto nel relazionarsi con la fascia intermedia dell’imprenditoria agricola africana. Il webinar si è concluso con un ampio spazio alle domande dei partecipanti: tra i temi principali le questioni economiche, finanziarie, assicurative, ma anche la richiesta di suggerimenti sui Paesi più interessanti, sul settore delle energie rinnovabili, sulla catena del freddo e sulla logistica. Il percorso E-Africa Business Lab prosegue oggi con il secondo webinar informativo dedicato alla regione dell’Africa Orientale.



__di


Pubblicato il


Leggi anche