Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

    captcha

    Coronavirus: casi e restrizioni in Africa, aggiornamento del 18 marzo

    AFRICA – (aggiornamento del 18 Marzo) Anche Somalia e Liberia sono ufficialmente entrati nelle ultime 24 ore nella lista dei paesi africani che hanno già registrato almeno un caso positivo al Coronavirus-Covid19. 

    E’ quanto emerge dagli ultimi dati confermati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO), da cui emerge anche un repentino aumento dei casi in Burkina Faso, passata da 2 a 20 in 48 ore e un più costante aumento nei paesi che stanno registrando il maggior numero di casi: Egitto, Sudafrica, Algeria, Marocco e Senegal. 

    Parallelamente continua ad allungarsi la lista dei paesi che sta procedendo alla chiusura delle proprie frontiere, o dei propri aeroporti e porti. Rispetto a ieri oggi si aggiungono alla lista il Botswana, Camerun, Guinea Equatoriale, Ciad e Marocco. 

    Il Camerun è anche il primo paese africano ad oggi ad aver adottato misure simili a quelle italiane, predisponendo chiusura delle scuole e università, evitando gli spostamenti non necessari etc..

    E’ bene evidenziare che nelle ultime ore il Ministero degli Esteri ha pubblicato il seguente avviso relativo a tutte le destinazioni nel mondo:

    “Ai sensi del DPCM 09/03/2020, sono da evitare tutti i viaggi e gli spostamenti per turismo all’estero come sul territorio nazionale. La dichiarazione dell’OMS con cui si classifica COVID-19 come “pandemia” sta comportando l’adozione di misure restrittive (sospensione del traffico aereo, divieto di ingresso, respingimento in frontiera, quarantena obbligatoria, accertamenti sanitari) da parte di tutti i Paesi del mondo, con scarso o nessun preavviso. SI RACCOMANDA DI EVITARE OGNI VIAGGIO/SPOSTAMENTO NON ESSENZIALE e non motivato da ragioni di lavoro, comprovato stato di necessità o motivi di salute.”

    NOVITÀ’ DEL 18 MARZO

    CAMERUN – In relazione all’emergenza sanitaria COVID-19, il Camerun ha deciso l’immediata chiusura delle frontiere terrestri, marittime e aeree, dal 18 marzo e fino a nuovo ordine. Il Primo Ministro ha ordinato la chiusura di tutte le scuole e Università; vietato gli spostamenti urbani e interurbani non essenziali; vietato le riunioni di lavoro delle pubbliche amministrazioni di più di 10 persone che non siano praticabili a distanza; vietato l’apertura di ristoranti e la vendita di bibite dopo le 18; e vietato gli assembramenti di più di 50 persone.

    BOTSWANA – Al fine di prevenire la diffusione del COIVID-19, le autorità locali hanno disposto il divieto di ingresso per coloro in arrivo dai seguenti paesi: Cina, Giappone, Corea del Sud, Iran, USA, UK, Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera ed India. I cittadini botswani ed i residenti provenienti da questi Paesi saranno soggetti a 14 giorni di quarantena obbligatoria come da protocolli. E’ sospeso con effetto immediate il rilascio di visti alle frontiere e presso tutte le ambasciate a favore di persone provenienti dalle aree ad alto rischio. I visti gia’ rilasciati sono cancellati con effetto immediato e fino a data da destinarsi Sia i cittadini botswani che i residenti sono invitati a rimandare i viaggi verso i Paesi affetti dal virus ed infine vengono fornite indicazioni circa le misure preventive già indicate dall’ OMS. Per 30 giorni sono inoltre sospesi tutti gli incontri pubblici con piu’ di 100 persone e sono tutti invitati a mantenere tra loro una distanza di 1-2 metri. E’ permessa la presenza di un massimo di 50 persone nei pubblici esercizi (banche, ristoranti – inclusi quelli di servizio da asporto- supermercati e negozi, farmacie, uffici postali), negli Uffici di servizi governativi (trasporti, immigrazione, stato civile, stazioni di polizia ecc.) e nelle celebrazioni di funerali. Per maggiori informazioni in merito al COVID-19, si rimanda al Focus sulla home page di questo sito.

    MAROCCO – Il Marocco ha deciso di sospendere il traffico aereo e marittimo, in particolare i collegamenti aerei con l’Italia e, tra gli altri Paesi europei, Spagna, Francia e Germania. Si raccomanda di contattare la propria compagnia aerea per trovare al più presto connessioni indirette verso altre destinazioni di transito. Si informano i connazionali in viaggio in Marocco in camper, auto o moto che attualmente non risulta aperto il passaggio per le enclave spagnole di Ceuta e Melilla. Il Ministero della Salute marocchino ha attivato il numero verde 141, dedicato esclusivamente a coloro che presentano sintomi riconducibili al COVID-19. Un altro numero verde 00212801004747 (0801004747 se si chiama dal Marocco) è stato istituito per fornire consigli ed informazioni sull’epidemia e sulle procedure da seguire per segnalare un caso sospetto. Per i casi sospetti è previsto l’isolamento ed il trasferimento in strutture ospedaliere dotate di reparto idoneo. Si raccomanda di attenersi alle indicazioni delle autorità sanitarie locali e di consultare la pagina dedicata del sito del Ministero della Salute marocchino: https://www.sante.gov.ma/pages/actualites.aspx?idactu=400

    GUINEA EQUATORIALE – In risposta all’emergenza sanitaria COVID-19, le autorità locali hanno disposto la chiusura delle frontiere aeree fino a nuovo avviso e il divieto di ingresso per i viaggiatori provenienti da: Cina, Repubblica di Corea, Iran, Italia e Singapore. Le autorità locali hanno precisato che la restrizione sarà mantenuta in vigore, secondo quanto comunicato dalle Autorità della Guinea Equatoriale, finche’ l’Organizzazione Mondiale della Sanità non dichiarerà l’epidemia di Covid-19 sotto controllo.

    CIAD – In risposta all’emergenza sanitaria COVID-19, le Autorità del Ciad hanno disposto la chiusura delle frontiere aeree a partire da giovedì 19 marzo, per un periodo di due settimane. Hanno stabilito inoltre che tutti i viaggiatori provenienti da aree a rischio di trasmissione COVID-19, inclusa l’Italia, saranno sottoposti a test per COVID-19 e, a seconda dei risultati, sottoposti ad una quarantena obbligatoria di 14 giorni presso una struttura sanitaria locale pubblica o privata (in questo secondo caso, a spese del viaggiatore) o in isolamento domiciliare. In alternativa gli stessi viaggiatori potranno optare, a proprie spese, per una quarantena presso un albergo locale. Si ricorda che i viaggi non necessari in Ciad sono sconsigliati.

    CASI

    I casi seguenti sono quelli ufficialmente confermati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO):

    PaeseCasi
    PaeseCasi
    Egitto166
    Rwanda7
    Sudafrica 62 
    Ghana, Costa d’Avorio6
    Algeria60
    Camerun, Etiopia5
    Marocco38
    Seychelles4
    Senegal27
    Kenya, Repubblica Democratica del Congo3
    Tunisia, Burkina Faso20
    Nigeria, Namibia, Sudan2
    Reunion9
    Mauritania, Guinea, Guinea Equatoriale, Repubblica del Congo, eSwatini, Mayotte, Togo, Repubblica Centrafricana, Gabon, Liberia, Somalia1

    MISURE RESTRITTIVE AI VIAGGI PER ITALIANI

    (Per maggiori dettagli si rimanda al sito viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri. Le misure di Contenimento, infatti, variano da paese a paese e vanno dalla semplice misurazione della temperatura all’arrivo a pratiche di autoisolamento etc..)

    Angola/ Divieto

    Algeria/ Contenimento

    Benin/Quarantena

    Botswana/ Divieto

    Burundi – Quarantena

    Capo Verde – Contenimento

    Camerun – Divieto

    Centrafrica Repubblica – Quarantena

    Ciad/ Divieto

    Congo/Quarantena

    Costa d’Avorio/Contenimento

    Egitto/ Chiusura aeroporti- Contenimento-Ricovero

    Eritrea/ Quarantena

    Etiopia/ Contenimento

    Gabon/ Contenimento-Divieto

    Gambia/ Contenimento

    Ghana/ Divieto

    Gibuti/ Divieto

    Guinea Bissau/ Contenimento

    Guinea (Conakry)/ Quarantena

    Guinea Equatoriale/ Divieto

    Kenya/ Divieto

    Liberia/ Isolamento (14 giorni)

    Madagascar/ Divieto-respingimento

    Malawi/ Isolamento (14 giorni)

    Marocco/ Contenimento-Isolamento

    Mauritius/Divieto

    Mozambico/ Quarantena

    Niger/ Quarantena

    Nigeria/Contenimento-Quarantena

    Rwanda/ Controlli-Monitoraggio (con spese a carico)

    R.D. Congo/Contenimento-Quarantena

    Senegal/Contenimento-Quarantena

    Seychelles/ Divieto

    Sierra Leone/ Quarantena

    Sudafrica/ Divieto

    Sudan/ sospensione Visti- chiusura frontiere

    Sud Sudan/ Contenimento-Quarantena

    Tanzania/ Contenimento-Quarantena

    Tunisia/ Divieto

    Uganda/ Quarantena

    Zambia/ Contenimento-Quarantena

    Zimbabwe/ Contenimento



    __di


    Pubblicato il


    Leggi anche