Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Kenya: approvati fondi per servizi idrici a Nairobi

La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha approvato la concessione di 62,914 milioni di euro per migliorare la gestione sostenibile delle acque reflue a Nairobi.

A segnalarlo è la stessa AfDB, precisando che i fondi andranno a finanziare la seconda fase di un programma di ripristino e ripristino del bacino dei fiumi di Nairobi migliorando la rete fognaria della capitale keniana.

Obiettivo del progetto è migliorare l’accesso, la qualità, la disponibilità e la sostenibilità dei servizi di gestione delle acque reflue cittadine.

Il progetto, co-finanziato dalla Agenzia di sviluppo francese (AFD) con ulteriori 20 milioni di euro, rientra tra gli obiettivi prioritari di investimento della città di città di Nairobi per migliorare le condizioni di salute e di vita della popolazione della capitale keniana.

Si stima che saranno circa 500.000 le persone che beneficeranno del progetto attraverso la riabilitazione e la costruzione di impianti di trattamento delle acque reflue a Dandora, la costruzione di una rete di reticolazione fognaria di 220 km comprendente infrastrutture per la gestione dei fanghi fecali, nonché la costruzione e la riabilitazione di 100 servizi igienici negli insediamenti informali di Nairobi.

Nairobi ospita circa 4,4 milioni di persone, pari a circa il 9% della popolazione totale del Paese. Secondo le stime dell’AfDB, il Kenya perde ogni anno l’un percento del proprio PIL a causa della scarsa igiene con i servizi urbani che non hanno tenuto il passo della rapida espansione urbanistica e un’infrastruttura fognaria che a Nairobi serve solo il 48% della città.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Un numero dedicato alla Banca africana di sviluppo (AfDB), che sta diventando sempre di più anello di congiunzione tra mondo privato e settore pubblico, finanziando i grandi lavori necessari a colmare il gap continentale.



__di


Pubblicato il


Leggi anche