Contatti

Direttore responsabile
Massimo Zaurrini
Direttore editoriale
Gianfranco Belgrano

Via Val Senio, 25 - 00141 Roma
+39 068860492 - +39 0692956629
Fax: +39 0692933897

Mail

captcha

Angola: stanziati fondi per sostenere piano di sviluppo agricolo

Un finanziamento di 200 milioni di dollari è stato garantito dal Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD) delle Nazioni Unite per sostenere l’attuazione del programma di sviluppo rurale dell’Angola.

Lo ha annunciato ieri il Presidente dell’IFAD, Gilbert Fossoun Houngbo, al termine di un’incontro con il presidente angolano João Lourenço, precisando che il finanziamento ha lo scopo di contribuire alla realizzazione di tale programma, che si basa sulla promozione dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca.

Gilbert Fossoun Houngbo si è recato in Angola per valutare il grado di attuazione dei programmi finanziati dall’IFAD, che dalla sua creazione il 30 novembre 1977 sono stati oggetto di progetti di sviluppo per un valore stimato di $ 250 milioni.

Tra i progetti spicca il sostegno allo sviluppo dell’agricoltura familiare, in corso nelle province di Cuanza Sul e Huíla, con un finanziamento di 38,8 milioni di dollari, che è destinato a circa 60 mila piccoli agricoltori.

Durante un incontro con il ministro dell’Agricoltura e delle foreste, Marcos Alexandre Nhunga, il presidente dell’IFAD ha annunciato un sostegno di 7,6 milioni di dollari per il progetto di recupero agricolo, che è in corso di attuazione in otto comuni delle province di Benguela, Cunene e Huíla.

Con oltre 35 milioni di ettari disponibili, il settore agricolo ha messo in lavorazione oltre cinque milioni di ettari a livello nazionale per l’anno agricolo 2018/2019, per la produzione di cereali, tuberi, frutta, verdura e semi oleosi, al fine di ridurre le importazioni.

© Riproduzione riservata

Per approfondire:

Il corso del greggio sui mercati internazionali ha affossato tutte quelle economie eccessivamente legate allo sfruttamento di questa risorsa, e l’Angola non ha fatto eccezione. Tuttavia, i nuovi scenari possono aprire anche nuove opportunità.



__di


Pubblicato il


Leggi anche